sabato 12 maggio 2007

Tornello


In città non si parla d'altro, tutti i giornali lo scrivono e le massaie son preoccupate! Dopo gli stadi anche gli autobus verranno dotati di un tornello, quindi niente più scuse, adesso il biglietto o c'è l'hai o non c'è lai, teoricamente doveva essere cosi da sempre, ma adesso niente più "Sono appena salito!", finita con i "Giuro lo faccio sempre" adesso dentro o fuori!
Vedremo passeggeri in fila alle fermate salire uno ad uno aspettando il proprio turno nessuno si lamenterà del tempo che ci vuole a far salire tutti, ed ad uno ad uno li vedremo sfilare con il biglietto in mano, belle cose, bei momenti, al povero abusivo non resta che rassegnarsi all'idea di fare il biglietto!
Cosa ne sarà dei controllori?
Non vi preoccupate nascerà una nuova generazione di abusivi, pensate veramente che ci si fermi davanti ad un semplice tornello, i controllori lo sanno è il loro lavoro non è in pericolo anzi nuovi stimoli si prospettano all'orizzonte, solo che adesso non si hanno più scuse se oltrepassi quella linea non puoi più raccontare nulla!
Mi piacerebbe dire come in una fiaba "...e vissero felice è contenti!" ma questa non è una fiaba nella vita reale funziona in maniera diversa, l'abusivo non resterà con le mano in mano, qualcosa si inventerà, tornello o non tornello, ma ci sarà sempre un controllore, qualcuno che vigila, abbiamo sempre bisogno di qualcuno che vigila, non ci possiamo rassegnare all'idea di essere liberi di comportarci in maniera civile, dobbiamo sempre avere qualcosa o qualcuno che c'è lo imponga, di essere civili!

6 commenti:

Actarus ha detto...

Servirà anche a rendere la gente più civile ma un tornello sul bus mi sembra una minchiata. sono sicuro che se verrà approvata una cosa del genere da li apochi mesi, se non settimane, verranno tolti.
Non so come sia a Bologna ma credo che sia come quì a Milano. costringere i passeggeri a salire uno per uno in maniera ordinata vuol dire soste forzate per interi minuti sopratutto nelle ore di punta quando c'è un'intera folla che aspetta di salire sul bus.
Nooo!!! Non può funzionare.

KingFreak ha detto...

In azienda è un po' che si parla di questa cosa, creando poi di conseguenza diverse scuole di pensiero, i favorevoli e i contrari!
Il mio pensiero è che ben vengano tutti i sistemi per garantire un buon servizio, anche se i problemi alla fine sono altri, tolto il discorso morale e civile e "ironico" della cosa, già più volte affrontato nel mio blog, da quello che ho letto sul giornale ieri, si parla di un evasione del 15% che tramutati in soldoni diventano circa 4 milioni di euro all'anno, diciamo che un azienda quotata in borsa è un lusso che non si può permettere, la salva il fatto che essendo azienda pubblica deve garantire un servizio , e le perdite vengono compensate dai soldi dei contribuenti, ergo se non hai mai preso un autobus in vita tua, comunque paghi il biglietto dell'abusivo che gira a scrocco!
Concludo dicendo che a mio avviso tutto questo è un palliativo, nel senso che non potendo punire fai in modo che nessuno sia messo nelle condizioni di essere punito, e ti togli la responsabilità della punizione, basterebbe fare come fanno in altri paesi dove considerano chi non fa il biglietto come un ladro e come tale lo puniscono, ma qui entriamo in politica, e sinceramente non me la sento di entrare in discorsi qualunquistici, per me rimane sempre e solo una questione di biglietto, o lo fai o non lo fai, a coscienza tua!

Actarus ha detto...

Concordo quì si parla di coscienza. Ma quella del tronello sul bus mi sembra un'operazione un po drastica. La coscienza delle persone non si sana facendogli fare la fila per entrare nell'autobus.... al massimo (e peso sia la soluzione migliore) si aumentano le pene e per i recidivi sanzioni penali.
Giusto è punire o prevenire gli abusivi ma anmcora più giusto è non penalizare i regolari che sono molti di più, con metodi e soluzioni che creano hanicap in un sistema di trasporto già troppo convulso, criticato e poco funzionale.

KingFreak ha detto...

...forse se vogliamo "tutti" un mondo migliore "tutti" in qualche modo dobbiamo rinunciare a qualcosa, e rinunciare ad un paio di minuti per avere la certezza che tutti paghino, e un sforzo che secondo me ci possiamo permettere!

Anonimo ha detto...

Se basta rinunciare a un paio di minuti per fare una fila che garantisca che non vi siano abusivi BEN VENGA.
Ma siamo sicuri che l'abusuvo non può salire?
A me risulta che per legge il servizio pubblico non può essere rifiutato,quindi basta che qualsiasi passeggero dica all'autista di aprire.

rita ha detto...

MALGOVERNO NELLA P:A:in quel di Castelraimondo serve maggiore vigilanza e controllo sul territorio.Dal febbraio 2002 l’amministrazione comunale tiene,illegittimamente demansionato,estromesso,eliminato dall’ufficio il comandante dei vv.uu;(uno dei quattro dipendenti comunali laureati,di ottima condotta morale e civile,incensurato,senza alcun procedimento penale o giudiziario a carico),sostanzialmente senza fare quasi niente,a spese del contribuente.(Vedere sentenza immediatamente esecutiva,in internet,alla voce DEMANSIONAMENTO CAMERINO)