mercoledì 5 settembre 2007

La lavatrice


A chi non è mai capitato di dimenticarsi la banconota nei pantaloni, è un classico non si può negare, per poi ritrovarsela nelle tasche asciutte e stirate con quel buon odore di bucato, la prima cosa che cerchi di fare e rifilarla al tabaccaio o all'edicolante, tanto loro la smerciano subito, e se tutto va bene che non fa storie, il danno è riparato, ma cosa fai se ti dimentichi il biglietto nuovo dell'autobus?
Semplice, lo porti in biglietteria, e se risulta ancora non timbrato e non è proprio irriconoscibile, al 90% dei casi lo rimborsano con un titolo nuovo. Troppo complicato? In effetti è più semplice portarselo dietro e cercare di convincere il controllore innanzitutto sul fatto che non ci sia stata nessuna volontà nel lavare a secco il biglietto, con una piccola polemica su come mai l'azienda non stampi biglietti resistenti alle alte temperature e alla centrifuga, ma soprattutto cercare di convincere il controllore che hai provato e riprovato, insistentemente a timbrare il biglietto, ma la macchinetta non andava, o meglio, non riusciva a timbrare un biglietto ancora "nuovo", anche se a prima vista sembrava lavato con Perlana! Adesso mi chiedo, cosa costava andarlo a cambiare, ma per l'abusivo il problema non era suo, lui il biglietto l'aveva, per il controllore è stata dura convincerlo che un biglietto lavato è stirato non rientrava negli standard "conservare integro e riconoscibile" necessari per considerare valido un titolo, ma soprattutto che l'obliteratrice non è uno strumento di precisione, e ci sta che non timbri un biglietto con la stessa consistenza di una Rizla! L'abusivo lavandaio si è allontanato con la ricevuta in mano borbottando qualcosa a proposito del disservizio di cui è stato vittima, il controllore è rimasto qualche secondo fermo per riflettere, e poi riflettere e riflettere ancora, un cenno di disapprovazione con la testa ed è risalito su altro autobus, meglio non pensarci, meglio non riflettere, meglio limitarsi a fare multe e non farsi troppe domande, troppa gente strana in giro!

3 commenti:

silvia ha detto...

Com'è che a lui è rimasto integro ma scolorito mentre io quando disgraziatamente dimentico banconote/biglietti/buoni pasto mi vengono fuori tutti spatasciati e a bricioline?
Questo, se non altro, era un genio del lavaggio!

CapoDelVillaggio ha detto...

Secondo me o lavi a temperature troppo alte o i biglietti dell'atc son fatti di ottimo cartoncino ;)
Io possiedo un ampia collezione di estratti conti/fogli di prelievo della mia banca lavati e rigenerati in artistiche ed ardite costruzioni

Carlotta ha detto...

ma certo che è vero che la gente è strana... e sull'autobus sembra che tutti gli strani si diano appuntamento! :)