sabato 15 settembre 2007

Carta stampata 5


Quando 2 giorni fa ho scritto il post "Generazione Playstation" stavo pensando che forse ci sono persone cresciute con triangolo, cerchio, quadrato e ics, che non si rendono conto che nella vita reale non basta premere il tasto "START" per ricominciare da capo, nella vita reale chi sbaglia paga, e se pensi che tutto possa nascere dal fatto che sei senza biglietto, effettivamente ti viene un dubbio sul fatto che esistono persone che non hanno la più totale percezione della realtà, persone che pensano di vivere in un mondo tutto loro dove sono invincibili e chiunque ti sbarri la strada sia un nemico!
Quello che è successo due sere fa sulla linea 19 è l'ennesimo episodio di aggressione e violenza accaduto su un autobus, sul turno di notte, un altro controllore in infortunio, un altra scia di polemiche, l'inchiostro si versa, i politici commentano e un 27 calabrese è stato arrestato, un bravo ragazzo, un ragazzo che lavora, un ragazzo che adesso tra danni, avvocati e multe varie, la rottura del sigillo di sicurezza prevede una sanzione di 512 euro, quel biglietto gli costerà un bel po', cosa gli costava farlo, cosa gli costava prendersi la sua multa in silenzio, cosa gli costava ammettere il proprio sbaglio, penso nulla, ma forse deve aver pensato che stava subendo un'ingiustizia da parte di un controllore, e siccome quello cattivo, il nemico, è proprio lui, il verificatore titoli di viaggio, l'abusivo, il giovane lavoratore ventisettenne, si è sentito in diritto di giocarsi la sua partita usando la violenza, ma gli ha detto male! Quando l'altra notte il controllore mi ha chiamato "Vuoi una news per il blog, sto giro l'hanno portato via in manette!", ho pensato che forse qualcosa stava cambiando, ma subito dopo mi sono ricordato che stiamo parlando di un biglietto e del semplice fatto che se non c'è l'hai paghi la multa, e allora mi è venuto da ridere, si perché in situazioni di questo tipo non puoi fare altro, riderci sopra!
"Manette?? Arresto?? Ma stiamo diventando matti??Per un biglietto??" No, signori, non stiamo diventando matti, forse ci siamo rotti un po' le palle, forse è meglio che le persone imparino un attimo a stare al mondo, e se devo essere sincero spero che quel "povero" lavoratore 27enne se lo ricordi tutta la vita, se vuol girare senza biglietto, bene, non è un problema del controllore, lui al massimo ti fa una multa, ma se alzi le mani, diventa un problema del cittadino che sta lavorando per portare la pagnotta a casa, la storia cambia, non frega niente se sei senza soldi, se sei costretto ad emigrare per un lavoro e se ti trovi in un paese ostile, ci sono delle regole e le devi rispettare, come in un gioco, solo che nella vita reale sono cazzi, tutto li, nessun tasto START a pararti il sedere!

10 commenti:

CapoDelVillaggio ha detto...

Epperò ragazul, tra passeggeri che picchiano controllori, autisti che picchiano passeggeri, controllori che maltrattano passeggeri (manca solo la rissa tra controllori ed autisti direi) pare che il bus sia diventato peggio del far west...
Prendessimo tutti un taxi ? o una camomilla, che costa anche meno?!

KingFreak ha detto...

Io a dire la verità sto aspettando che la legalizzino, meglio della camomilla!
Per il resto è la città che è diventata l'ultima frontiera per troppa gente, e tra sceriffi e lavavetri la situazione sta scappando un po' di mano, tutti si credono Stella Solitaria!

CapoDelVillaggio ha detto...

Idea!!!
Mandiamo Cofferati sugli autobus...doppio vantaggio
Più sicurezza per l'ATC e magari rompe un po meno i coglioni a Bologna

Tacvone ha detto...

Il nostro lavoro diviene ogni giorno più duro nella piena indifferenza dei politici, colgo l'occasione per ringraziare le forze dell'ordine che nonostante i loro impegni ci sono spesso d'aiuto per rimettere in carreggiata certi elementi.

mazzetta ha detto...

A me sembra che faccia più notizia l'autista che mena il passeggero (pure straniero) e che poi si inventa scuse inverosimili per passarla liscia.

Non è solo colpa del clima se dei professionisti vanno in giro a menare i passeggeri o a dare "colpi di coda" alla guida del bestione, sarebbe meglio che cominciassimo tutti ad imparare ad assumerci le nostre responsabilità, se proprio non siamo in grado di comportarci come si deve, no?

KingFreak ha detto...

Di solito, i professionisti prendono uno stipendio da professionisti, ed è per questo motivo che da un professionista ti aspetti un atteggiamento da professionista, ma se uno non viene pagato come un professionista, non ti puoi aspettare un atteggiamento da professionista, mica lavoriamo gratis, del resto se poi trovi passeggeri che non si comportano come si deve, non vedo come un autista o un controllore debbano comportarsi in maniera diversa, nel momento in cui sali su un autobus, il mio posto di lavoro, dovresti essere tu a comportarti come si deve e rispettare le regole, rispettare chi lavora e soprattutto non rompere i maroni, ti devi sedere, fare il biglietto e scendere alla tua fermata, tutto quello che fai in più e a tuo rischio e pericolo!

mazzetta ha detto...

professionista è chi ricopre una mansione professionalmente, cioè che è pagato per fare quel lavoro.

Non vuol dire che sia pagato "da professionista" intendendo in tal senso un sacco di soldi

Uno che lavora con il pubblico nel pubblico ad un servizio pubblico, si suppone debba stare dentro certe regole, ancora di più dentro i limiti del codice penale.

p.s.
perdona se cancello il doppione del commento sul post del blog action day, lì è davvero incomprensibile

KingFreak ha detto...

Anche uno che utilizza un servizio pubblico si suppone debba stare dentro certe regole, ancora di più dentro i limiti del codice penale, mi chiedo se necessariamente il semplice fatto di essere un dipendente pubblico mi obblighi a non reagire se una persona mi offende e mi mette le mani addosso, non penso funzioni cosi, il cliente non ha sempre ragione, al cliente gli si da sempre ragione, sempre che paghi e osservi le regole, nel momento in cui non rispetti queste due cose, per conto mio ha perso ogni diritto e soprattutto la mia professionalità!

mazzetta ha detto...

"sempre che paghi e osservi le regole"

"nel momento in cui non rispetti queste due cose, per conto mio ha perso ogni diritto e soprattutto la mia professionalità"

qui sbagli
il fatto che lui non paghi non gli fa perdere alcun diritto, ancora meno quello a essere trattato con educazione o addirittura quello all'integrità fisica, perchè qui parliamo di gente aggredita fisicamente o di gente che usa l'autobus per fare danni dolosamente, non di diverbi

ci siamo?

KingFreak ha detto...

Attenzione, forse mi sono spiegato male, io faccio multe, e se qualcuno non paga il biglietto, non c'è problema, gentilmente chiedo un documento e gentilmente la persone me lo da, poi gentilmente spiego le modalità di pagamento, con molta professionalità e discrezione, senza mettere in imbarazzo nessuno! Il discorso cambia se la persona che ho davanti inizia ad inventare scuse e si rifiuta di darmi un documento, che tra l'altro è un reato perseguibile per legge, peggio ancora se la persona che ho davanti inizia ad insultarmi o addirittura mi aggredisce, in un anno e mezzo ho accumulato tre costole rotte, un okkio nero, diverse mazzate in testa e qualche cicatrice di morsi sulle braccia, quindi capisci anche tu che davanti ad una aggressione il diritto e la voglia di reagire un po ti viene, non trovi?