lunedì 23 luglio 2007

La folla è femmina



Lavorare a contatto con il pubblico è un lavoro duro, io personalmente ho iniziato a 15 anni facendo il tecnico degli ascensori con la categoria "...l'ascensore è sempre rotto!!", allora non esistevano i blog ma anche li ci sarebbero state delle belle storielle da raccontare, altro che abusivi, immaginate di "visitare" 20 condomini al giorno dove ci sono solo persone che si lamentano perché fanno le scale a piedi, anche se obbiettivamente, rispetto all'abusivo, loro avevano ragione, avevano pagato un servizio ed era giusto darglielo, l'abusivo non paga e non ha nessuna ragione! Ed è stata in quella palestra che ho imparato il mestiere di quello che "ha a che fare con le persone", non importa cosa fai, l'importante è saper parlare, capire l'esigenza del cliente e avere le spalle forti perché in giro c'è gente "strana" con la pretesa di essere accontentati in tutti i modi solo perché pagano, mi ricorda il lavoro più vecchio del mondo, ma devi stare li, sorriso sulle labbra, non arrabbiarti mai anche davanti al cliente più stronzo, e resistere per tutta la giornata lavorativa!
Ma adesso è diverso, adesso ci sono i blog, un posto dove poterti sfogare, dove poter raccontare al mondo tutto quello che vorresti dire ma non puoi, vorresti fare ma non fai, ma soprattutto poter raccontare quello che pensi delle centinaia di persone che incontri tutti i giorni, in molti casi in maniera ironica, cosi almeno ci fai una risata sopra e quando incontri un soggetto a cui ti verrebbe voglia di scaricargli addosso tutta la tua frustrazione il primo pensiero va a cosa scriverai stasera sul tuo blog! In questi giorni mi sto divertendo a cercare blog di persone che fanno lavori a contatto con la gente e a parte quello della "commessa frustrata" che già conoscevo e leggo giornalmente, ne ho trovati di interessanti, "sentasignorina" e "sono una commessa non sono una santa" commesse anche loro, l'operatore del "colsenter", una categoria che odio profondamente ma che rispetto tantissimo, ci sono passato anch'io per un brevissimo periodo della mia vita, anche se più che altro odio le musichette dell'attesa e il fatto che non sempre dopo l'attesa riesci ad avere l'informazione giusta sempre se l'operatore non riattacca prima, poi ho trovato il blog di un ragazzo che lavora in un ufficio di recupero crediti, "paga le rate", e penso da quello che leggo che recuperare crediti deve essere un lavoro durissimo.
Leggendo questi blog mi accorgo che alla fine, abusivi o no, in giro c'è gente strana oserei dire quasi "fuori dal mondo", per fortuna ci sono persone come noi, con le spalle forti per reggere la "carogna" che ti si appoggia sopra e ci resta solo una magra soddisfazione, abbiamo imparato a conoscere la gente sapere cosa vuole e dargli la percezione di averglielo dato in modo da farli contenti e guadagnarci la pagnotta onestamente, niente di di più, niente di meno, nulla di personale, è solo il nostro lavoro!


Ringrazio sassicaia molotov per la segnalazione sul suo blog e per i link che ho inserito in questo post!

4 commenti:

Actarus ha detto...

Paga le rate è incredibile... ho incominciato a leggerlo e non finivo più.... certo che la gente a volte è veramente fuori di testa.

KingFreak ha detto...

Mi è stato segnalato dall'autrice questo blog Santa Zita Aiutami Tu che descrive il lavoro della cameriera, sempre per rimanere in teme di persone che lavorano a contatto con la gente!

KingFreak ha detto...

Ne ho scoperto un altro Hostess di Terra!

hostess di terra ha detto...

Grazie per la segnalazione ^^