mercoledì 9 aprile 2008

L'amico immaginario


Certo! Va bene! Lo posso capire! Quaranta euro di multa pesano a tutti, io stesso ho preso l'ennesimo bollino per una distrazione, sarebbe troppo facile ammettere di aver sbagliato e pagare per le proprie distrazioni, nel mio caso non ho speranze, l'occhio elettronico delle preferenziali ha visto bene, ho controllato su internet, ma se davanti hai un controllore forse una possibilità di scampare la sanzione si trova, basta avere la scusa giusta!
Adesso è più di un anno che ho aperto questo blog, ed è quasi due anni che il giovane controllore si fa nuovi "amici" in città, pensi di averle sentite tutte, ma c'è sempre l'autobus giusto dove trovare una bella storiella di controllori e abusivi da raccontare.
Fine turno, i controllori ormai sono stanchi, ultimi autobus, la linea è una di quelle toste, quando il controllore sale deve fare una rapida valutazione, la parola d'ordine è "NO BEGA", che in gergo vuol dire cerchiamo di non avere problemi, si parte "soft", si inizia il controllo. La situazione è tranquilla, quando a metà autobus un ragazzo si alza, sguardo basso, "Tanto non mi vedono!" pensa lui, "Sei il primo che abbiamo puntato!" pensano i controllori, "Signore! Signore! Scusi! Biglietto per favore?", l'abusivo si guarda intorno, "Si ce l'ha un mio amico!".
Fermi tutti, quale amico? No per favore, non a fine turno, non potete inventarvi una stupidata simile, un classico "Sono appena salito!" lo si gestisce in pochi minuti, ma per l'amico immaginario i controllori non sono addestrati, però in questi casi si asseconda l'abusivo, si cerca di non farlo innervosire, "Dov'è il suo amico?", "Era qua un attimo fa!", "Lo cerchi cosi ci mostra il biglietto!".
Capiamoci, o l'amico ha un teletrasporto tascabile, oppure c'è qualcosa che non torna, intanto l'abusivo nella ricerca del suo amico tenta una sortita in direzione della porta di uscita, ma come diceva sempre mia nonna "Il gioco è bello quando dura poco" e per conto dei controllori il tempo era già scaduto, scatta la richiesta del documento.
Ora il fatto che tu neghi di avere il portafoglio diventa insopportabile mentre si nota in maniera evidente che la tasca dei tuoi jeans ha la forma di una tasca con dentro un portafoglio pieno di documenti, e il fatto che continui a sostenere la tesi dell'amico "Che fino ad un attimo fa era seduto accanto a me" inizia a far alzare il livello di tensione a bordo, ma calmiamoci tutti, siamo a fine turno, nessuno ha voglia di straordinario, interruzione di sevizio pubblico e gita in questura, cerchiamo di risolvere la questione in poco tempo, il controllore si avvicina all'orecchio dell'abusivo, gli sussurra qualcosa..."Sentimi, alla cagata dell'amico non ci crede nessuno, siamo tutti un po' stanchi e vogliamo andare a casa, il documento l'hai in tasca, e lo so, la multa l'hai già presa, non hai vie di fuga, puoi scegliere se prenderla con dignità o piantare un casino e peggiorare la situazione decidi tu cosa vuoi fare"...attimi di esitazione, il documento esce e la multa viene compilata. Non sempre funziona, in molti si intestardiscono, ma di solito hanno una scusa più sostenibile, in effetti quella dell'amico immaginario non reggeva, anche se una volta, una sola volta, un ragazzo affermava che prima erano in tre e avevano timbrato tutti e tre un multi corsa, rimasto nelle tasche dell'amico sceso la fermata prima, il controllore in un atto di benevolenza concede 5 minuti per rintracciare il portatore sano di titolo di viaggio e farlo venire alla fermata successiva per dimostrare di essere in regola, il seriale dell'obliteratrice confermava la timbratura sull'autobus giusto, tutto in regola, nessuna multa, tutto è bene ciò che finisce bene!
Insomma pagare una multa scoccia a tutti, ma ormai l'hai già presa, devi solo decidere in che modo viverla, se dignitosamente oppure renderti ridicolo agli occhi del controllore e degli altri passeggeri, per me è più semplice, domani andrò in posta e pagherò gli ennesimi 85 euro per essere passato la dove passano solo gli autobus, non farò storie, mi metterò in fila e magari avrò un segno di comprensione da parte dell'operatrice delle poste, ma dentro di me lo so, so che sono un "cazzone", nenche la soddisfazione di inventarmi una scusa "Sa com'è guido gli autobus e l'abitudine mi ha portato a svoltare sulla preferenziale!", sono sicuro che forse un vigile avrebbe capito, ma ringrazio la telecamera per non avermi indotto a far la figura dell'abusivo piagnone e rendermi ridicolo, pago e sto zitto, dignitosamente!

11 commenti:

Anonimo ha detto...

a proposito di bega, qualche settimana fa ho aspettato il 14 in piazza per oltre 20 min (era pomeriggio), poi ne sono arrivati 2 insieme. Il risultato era che il mio biglietto orario e' scaduto mentre salivo, ma mi sono rifiutato di farne uno nuovo.
Se tu fossi salito ti avrei piantato una gran BEGA.
Non so se e' andata meglio a te o a me non incontrarsi.
Con affetto
Zhenja
(scusa se mi metto anonimo ma non capisco come registrarmi)

Anonimo ha detto...

oggi salgo in autobus giusto perchè sono in ritardo al lavoro, se no andavo a piedi come al solito. mi scoccia un po' spendere 1/5 del mio budget giornaliero per il biglietto ma così sia, infilo le mani nella borsa alla ricerca dell'eurino e l'autobus in quel momento inchioda e io mi trovo scaraventata davanti. ci riprovo, faccio spostare le zdaure che si aggrappano alla macchinetta e ottengo il mio titolo di viaggio. e dico: bene, ora che sono in regola deve passare il controllore se no mi incazzo. penso: passa! dai, passa! chiaramente non è passato.
poi ripenso a quando l'anno scorso prendevo l'autobus ogni mattina perchè lavoravo fuori, e il controllore passava solo il primo del mese per vedere se ci eravamo ricordati di rinnovare l'abbonamento.
capito, tutto il mese con l'abbonamento in regola senza mai essere controllati, e se poi capita che non ti accorgi che è il primo del mese e non hai rinnovato vieni multato.
eef

Bufalo ha detto...

Anch'io odio i piagnucolosi ... ti sembrerà strano, ma sull'autobus di solito "faccio il tifo" per voi controllori.

00pie00 ha detto...

io questa storia del voler farsi controllare l'abbonamento tutti i giorni non l'ho mai capita. usi un servizio e paghi, come quando chiami l'idraulico...il biglietto non si fa per farlo vedere al controllore

Stefano ha detto...

nono...

è noto che l'abbonato paga sia per il servizio che per vedere il controllore... direi in proporzione 90%-10%.. ha pagato per lo show del controllore ed è suo diritto averlo..

detto seriamente.. secondo me è una questione di serietà come sempre nella vita.. il biglietto VA PAGATO a priori.. e l'azienda per rispetto dei clienti, oltre che per il proprio bilancio, OGNI TANTO non sempre deve farli controllare..

Paolo ha detto...

bwahahaha che scusa patetica, l'amico immaginario!

il primo anonimo pone un quesito interessante: e se il limite temporale del viaggio scade mentre si è in viaggio, possibilmente per un ritardo di dieci minuti del mezzo, come si agisce? spero nella benevolenza, altrimenti mi pare siano gran rotture... anche se, ok, la legge dice che il viaggio deve essere terminato entro tot minuti dall'obliterazione.

solo che a milano se devi prendere un paio di coincidenze, il tempo vooola... mi è capitato spesso di finire il viaggio con 15 minuti di ritardo! :(

KingFreak ha detto...

Partiamo dal presupposto che un titolo scaduto non è valido, quindi il controllore ha tutto il diritto di fare la multa, esiste però un margine di tolleranza dato dal buon senso sia del controllore che del passeggero.
In questi casi si va a pelle, e vero che sei un abusivo, ma fino ad un attimo fa eri un passeggero in regola, adesso nel caso del primo commento "aspettato il 14 in piazza per oltre 20 min", il 14 nelle ore di punta passa ogni 4 minuti, in 20 minuti ne dovrebbero passare 5, dubito che siano tutti saltati in aria lungo il percorso, quindi cosi a pelle, con una scusa cosi forse la multa ci scattava, forse!
A volte succede che appena il controllore sale, dal fondo dell'autobus si alza qualcuno dicendo che il suo biglietto è appena "scaduto", finché rimane una questione fra controllore e abusivo forse si può usare un po' di buon senso, ma se ti autodenunci di fronte a tutti i passeggeri, non puoi avere pretese, tutti sanno che non sei in regola, tutti vogliono vedere il controllore che fa la multa!
In altri casi, si invita il passeggero con il titolo appena scaduto a farne un altro, una volta è capitato un ragazzo con un annuale scaduto da una settimana, si era offerto di pagare la multa ammettendo la dimenticanza ma si era anche reso disponibile a rinnovare l'abbonamento entro pochi giorni, si è mediato, si è scesi tutti quanti dall'autobus, si è andati presso la biglietteria e il giovane abusivo ha rinnovato il suo abbonamento annuale davanti al controllore.
Una questione di buon senso, ma bisogna averlo in due, in controllore deve capire che davanti c'è una persona che era in regola ma adesso lo è più, il passeggero deve capire che se il titolo è scaduto, vuol dire che è scaduto, quindi nessuno ti deve niente, e non devi chiedere niente al controllore, soprattutto se a bordo ci sono altre persone, chi ha "orecchie" per intendere intenda!

Anonimo ha detto...

caro king, mi sembra ne passassero 5 all'ora. uno ogni 12 min quindi e poi ne sono arrivati due insieme, probabilmente il secondo era in orario, aggiungi che avevo anche una gran fretta e quindi l'atc era al centro dei miei pensieri cattivi.
Cmq nei casi in cui vi ho visto "in azione" ho sempre visto molto buon senso

ciao
zhenja

citaro85 ha detto...

Ah, King, volevo dirti che io ero l'autista del BLQ delle 18.40 che venerdì scorso, assieme ad un collega, hai fatto partire da Fiera District... (vettura 702)
;)

Davide ha detto...

Io ho saputo che non prendete neanche un aumento per una multa in piu... braviii braviii, ma perche allora ogni tanto non chiudete un occhio... che ci ricavate a farvi odiare solo di piu??
Il fatto e' che non avete ancora capito che dando fiducia alle persone, lasciando stare per una volta... il cosidetto "abusivo" come lo chiami tu, la volta fara' il biglietto.. perche con questo metodo della multa spropositata, non fate altro che alimentare rancore nei confronti dell atac... che tra l altro offre un "servizio" di dubbia efficenza.

KingFreak ha detto...

Ci odierebbero comunque, tanto vale fargli pagare per le 40 volte che non ha preso l'autobus, poi per educare le persone c'è sempre tempo!