martedì 10 marzo 2009

Quella fermata accanto al cimitero!

Lo sappiamo tutti, fare il controllore non è un bel lavoro, o meglio, visto dal di fuori non è un bel lavoro!
Tutti odiano il controllore, se fosse per la gente l'ideale sarebbe niente controllori, autogestione, io la chiamerei anarchia, questioni di punti di vista, magari a qualcuno l'anarchia piace, l'autogestione piace, ma questi sono altri discorsi, e non è di questo che voglio parlare oggi!
Come fai a divertirti mentre fai il controllore?
Bhe!! Non vorrei essere cinico parlando del piacere che si prova quando vedi multare i polli o gli studenti fuori sede, ormai lo sapete come la penso, ma è quando scegli la fermata dove salire che aggiunge quel tocco di ironia alla sorte avversa che perseguita l'abusivo!
Dove salire? Dove intercettare la corriera? Dove fare il blitz?
Certo controllare un autobus una fermata prima del capolinea in stazione ha un suo fascino, un attimo prima della meta...tac!!..."Buonasera signori, controlliamo i titoli di viaggio?", han tutti fretta di prendere un treno e ti riempono di insulti, ma alla fine l'operazione dura poco, rapida e indolore. Anche perché l'idea che qualcuno magari per risparmiare tempo si sbatta e vada il giorno prima a comprare il biglietto del treno, non giustifica perchè poi ci si "dimentichi" di infilare un euro per fare quello dell'autobus, giustamente ai controllori far notare questo paradosso soddisfa molto la loro sete di giustizia, rendendoli purtroppo, come qualcuno fa notare spesso, arroganti e pure un po' stronzi!
Non si sa perché di fare il biglietto del treno non si "dimentica" mai nessuno, strana come cosa, forse perché sul treno è difficile trovare qualcuno che è appena salito e non è riuscito a timbrare oppure qualcuno che lo fa sempre, non parliamo poi degli onesti, sul treno sono tutti disonesti e con il biglietto, gli onesti senza biglietto, purtroppo, sono tutti sull'autobus!
Un altro appuntamento tipico da controllore bastardo è vicino al supermercato.
Arrivi, cerchi un euro per il carrello e vai a fare la spesa, passi alla cassa e paghi, strano che anche li non ci sia mai nessun "distratto" che ha dimenticato il portafoglio a casa, poi esci riprendi il tuo euro e che fai? 200 metri a piedi con le pesantissime borse della spesa o prendi il primo autobus al volo "...tanto i controllori non ci sono mai!"? Investire un euro in un simpatico biglietto?
Una strage inutile dirlo, anche li non capisco mai come mai infilare un euro nel carrello sia più semplice che infilarlo nell'emettritrice, e dire che ci sono orde di abusivi che salgono con 20 euro in banconota in autobus con la pretesa di fare il biglietto, ma davanti ad un carrello non hanno nessuna fatica a trovare un euro, forse perché si preoccupano prima di portarsi l'euro per il carrello?
Assurdo, ma per molta gente, l'euro del carrello è molto più importante dell'euro per il biglietto, non ho mai visto le scene tipiche dell'abusivo in preda al panico che cerca un euro nei calzini nei parcheggi dei supermercati!
Attenzione, sento una vocina stridula che dice "Ma l'euro del carrello te lo ridanno indietro!". Certo, perché lo scemo che spinge sei tu, su un autobus, se hai voglia di spingere risparmiando tanta benzina ai contribuenti può essere che ti diano anche più di un euro, sono sicuro però che se a spingere sei tu, prima ti assicuri che a bordo tutti abbiano pagato, oppure siccome è un mezzo pubblico questo problema non te lo metti e spingi per inerzia visto che il cittadino paga comunque le tasse? Non ti girerebbero i maroni sapendo che tu spingi e l'abusivo gira gratis?
Ma torniamo a noi, come si sceglie la fermata dove salire e stanare gli abusivi?
C'è tutta una tecnica dietro, spiegarla sarebbe lunga, ma se c'è la nebbia, la linea è la 666, la fermata del cimitero penso possa mettere daccordo tutti, non trovate?
Comunque, se mi posso sbilanciare, un buon controllore sa dove salire, perchè sa già più o meno chi troverà a bordo e a chi farà la multa, adesso non vorrei tirare fuori teorie Darwiniane sull'evoluzione della specie e la selezione naturale, ma si potrebbero scrivere dei saggi interessanti sull' abusivo, la sua zona di origine, la mutazione dovuta all'habitat in cui vive e non per ultimo e meno importante, lo spettacolare istinto di sopravvivenza di un abusivo!
Concludo, non so bene cosa ho scritto, ma la foto mi sembrava bella è ho dovuto scriverci un post dietro per poterla pubblicare, perchè anche i controllori, a modo loro, se vogliono farsi quattro risate, sanno come farlo!

16 commenti:

lazialefracico ha detto...

te due risate te le fai pure davanti al cimitero, pur di fare le multe! ma che è poi sta linea 666 che porta al cimitero? la linea del demonio? mica esiste, a 666, comunque! o esiste?

lazialefracico ha detto...

kingfreak tra una non risposta e l'altra alle questioni che pongo, stai a sentire pure questa: a proposito della da te decantata capillarità del servizio. Quando facevo le medie (anni '80, duran duran duran spandau ballet ecc ecc) conoscevo degli sfigati che abitavano alla birra di borgo panigale, giù per via triumvirato, tra frastuono di aerei che partono e arrivano vicino all case, cave polverose dove si andava a cercare riviste porno buttate per terra, strozzature stradali (ora, mi sembra, c'è anche il lungo Reno infestato da piccole favelas, mi sembra, nonché la prosituzione di ragazzotti romeni sotto il pontelungo). Beh questi qua, nonostante residenti in Comune di Bologna, per rincasare col mezzo pubblico non avevano una normale linea rossa, ma dovevno prendere il 91, linea azzurra di tipo extraurbano, con cadenza che ti raccomandi a Dio. Questa linea, come tutte le azzurre, non dura fino alla mezzanotte di Cenerentola, privilegio di cui possono fregiarsi i bolognesi normali, bensì termina all'ora di cena. Ancora oggi dopo vent'anni è così! dico io: visto che il percorso è quasi lo stesso che quello del tredici, non si potrebbe mettere un tredici barrato, o b che dir si voglia, il quale, una volta fatto il tragitto classico saffi e santa viola lungo la via emilia, dopo il pontelungo giri a destra invece di proseguire fino al centroborgo? nelle altre città si fa così anche per deviazioni di minor conto; a Bologna per la birra non si può fare, con piccolo capolinea per questi 13 bis?

KingFreak ha detto...

Vedi, io non è che non voglio risponderti o non posso risponderti, e che la mia risposta sarebbe una risposta mia, ma qualcuno potrebbe fraintendere e pensare che sia l'idea dell'azienda per cui lavoro!

Posso darti una mia opinione personale, ma lascerebbe il tempo che trova, una mia opinione non allunga i capolinea o velocizza i ricorsi!

Però voglio essere magnanimo e dispensare perle di saggezza metropolitana giusto per metterti l'anima in pace...

Quando quelle poche volte che ho fatto una multa a chi non se la meritava (3 casi su circa 4000 verbali), dopo 2 giorni è stata tolta perché direttamente interpellato il giorno stesso del ricorso, a mente lucida si è ragionato serenamente su un mio errore. In altri casi a volte sono stato interpellato e a volte no, ma se ho fatto una multa avrò avuto i miei buoni motivi visto che sono il controllore, quindi sui tempi dei ricorsi parliamo di niente e con la persona sbagliata!

Per l'allungamento delle linee che ti devo dire, vengono fatte prove di carico, interviste e sondaggi telefonici, e se ne vale la candela nessuno si è mai tirato indietro.
Cosa che fanno molto spesso, tirarsi indietro, i comuni limitrofi quando viene chiesto un contributo economico!
Ti potrei citare diversi comuni che hanno creato agevolazioni per i residenti e linee notturne speciali, ma sono tutti comuni che pagano, perché la benza costa, chi non paga, in genere va a piedi!


Spero di aver esaudito in parte la tua curiosità, ma ti prego non farmi domande che solo un responsabile della X azienda può darti, io come ben sai, sono un cazzone come tutti e non ho la bacchetta magica!

Orologiaio Frustrato ha detto...

La linea 666 di Bologna non portava in zona Parco Nord nei giorni del Gods Of Metal? ;)

lazialefracico ha detto...

beh kingfreak guarda che la birra trovasi nel comune di bologna, quindi non c'è da interpellare nessun minchia di comune circonvicino... altrove avrebbero già messo da un pezzo un bel tredici barrato, dai retta a me. Guardati il sito dell'ATAC e vai a cercare il percorso della linea 80, ad esempio: troverai una deviazione pensata apposta per servire largo val sabbia, quartiere montesacro, e vie intorno, in determinate ore di punta. E' un correttivo che hanno approntato tra l'altro su una linea nuova (o meglio una linea che ne ha sostituita una che è stata abolita) dopo un anno due dalla sua nascita. Quindi si sono sbrigati. A Bologna invece da decenni la birra non ha alcun autobus urbano... Quindi la capillarità non è tanto capillare...

su quanto hai detto a proposito di multe e ricorsi, bisogna concludere che (udite udite) quei rarissimi infinitesimali corpuscolari casi in cui il controllore sbaglia sono immediatamente corretti dall'azienda dopo due giorni. L'Azienda stessa che si autocontrolla, classico esempio all'italiana. Allora i giudici di pace aboliamoli. Dev'essere pazzo, comumnque, il giudice di pace che accolga un ricorso che un temerario cittadino (multato quindi disonesto) presenta contro l'azienda multante! Peccato che i ricorsi siano accolti al 40 per cento dai giudici di pace (ti concedo che saranno in gran parte in materia di codice della strada, dove la stronzaggine e i casini compiuti raggiungono l'ineffabile, su tutti la vicenda photored)

In tema di infallibilità di Aziende tramviarie e Comuni, sono fresche fresche due sentenze di Cassazione che dicono che gli ausiliari della sosta non si possono pernettere di fare altre multe se non quelle a chi non ha il ticket del pagamento della striscia blu sul parabrezza. C'è voluta la Cassazione, perché ATC (da cui queste creature dipendono), Comune di bologna, comune di parma, insistevano nel considerarli equiparati ai vigili urbani. E queste creaturine facevano anche multe di altra foggia! Tanto per dirne una!
Mi piacerebbe sapere se ora queste sentenze verranno rispettate o no!

KingFreak ha detto...

Ti do una voce di corridoio...95% di ricorsi fatti da abusivi bocciati dal giudice di pace, ma detto da me non ha valore visto che non posso provartelo!

Non entro nell'argomento ricorsi sugli ausiliari perché io sono molto estremo...un pirla parcheggia sul marciapiede, un ausiliare gli fa la multa, l'automobilista vince il ricorso perché l'ausiliare non può fare il verbale a chi parcheggia sul marciapiede, la giustizia trionfa!
Per quello che mi riguarda trionfa l'imbecillità, perché la stronzata è che ho davanti uno che ha palesemente sbagliato ma riesce a farla franca e a non pagare per un cavillo legale, oggi iniziamo con una multa, domani finiamo con gli stupri, passando per furti e truffe, tutti fuori perché la giustizia trionfa e la legge è stata rispettata!
Quindi non discutere con me perché io sono a senso unico! Se hai commesso una infrazione, un reato, non importa chi ti fa la multa e in che modo, tu paghi e basta, poi colmiamo la lacuna dando all'ausiliare la facoltà di multare anche chi parcheggia sul marciapiede visto che non ci avevamo pensato prima!
Perché se abbiamo una arma in più per combattere l'inciviltà della gente, l'idea di svuotargli il caricatore e mandarlo in giro con la pistola ad acqua, mi sa da paese del terzo mondo, e chi si vanta di essersi fatto togliere una multa in quel modo, io lo reputo il primo colpevole dello stato di degrado in cui viviamo!
Tu non lo sai, ma circa l'80% percento delle cause che occupano i tribunali amministrativi sono per ricorsi, capisci, se eliminassimo quei ricorsi inutili, forse e dico forse, la giustizia funzionerebbe un pelo meglio, e forse ma dico forse si potrebbe vivere in un mondo migliore!


Quindi per favore, non parlarmi più di ricorsi, sopratutto in autobus, in casa mia c'è sempre un citypass nel cestino delle chiavi, quando rimangono tre corse ne la mia morosa ne compra un altro, quando esce lo prende, va alla fermata con il citypass in mano, sale sull'autobus, timbra e si siede, lei non ha mai preso una multa in vita sua.
Oggi oltre tutto gli ho comprato al solo costo di 25 centesimi un simpatico porta citypass, visto che si lamentava che a volte il conservarlo "integro e riconoscibile" diventava difficoltoso e me la menava che non riusciva mai a timbrare le ultime corse!
Insomma, te lo ripeto per l'ultima volta poi spero di aver chiarito il mio pensiero, se il controllore ti fa la multa, tu hai torto, poi se un cavillo legale ti permette di fartela togliere, sei comunque un abusivo, lo eri e lo sarai sempre, anche se un giudice di pace ti da ragione!




Parlando al tuo quesito sulla Birra mi limito ad esprimere un mio parere personale.

Vado sul sito dell'azienda da te citata e guardo le linee che ci passano,leggo i passaggi in direzione città alla fermata da te citata:
la prima corsa è alle 5:45 l'ultima alle 20:45, con corse ogni 15 minuti, ma tu non si contento, vuoi anche un bel filobus di 18 metri anche di sera, cosa vuoi che costi perché nella capitale sono fighi e bravi...concedimi una battuta, sono anni ancora che aspetto un autobus della capitale, chissà se è poi passato, da noi non saremo capillari, ma almeno l'autobus passa!
Facciamo una botta di conti, diciamo che il percorso verrebbe allungato di circa un chilometro e mezzo all'andata e uno e mezzo al ritorno, più un chilometrino per l'inversione, totale 4 chilometri!
Uso come fonte il sito Liberalizzazioni per fare due conti.
Allora un 18 metri ha circa 120 posti, a 7 centesimi per posto km offerto sono 8,50 euro al chilometro, moltiplicato per 4, 34 euro a corsa, una corsa ogni venti minuti, dalle 20:30 all'una di notte sono 3 ore e mezza, 210 minuti diviso 20 minuti di frequenza, uguale 10 corse, totale 34 euro per 10, 340 euro al giorno, all'anno fanno circa 124 mila euro!
Se un abbonamento annuale area urbana costa 270 euro, se avessi 460 abbonati annuali residenti in zona potrei ripagarmi della spesa!
Diciamo che la zona in questione ha una estensione di un chilometro quadrato, con una densità di 2.645,17 ab./km², dovrei avere almeno il 20% dei residenti con in tasca un abbonamento annuale!
Ma ti snocciolo altri dati, visto che mi sto caricando la molla, in città le statistiche dicono che solo il 10% della popolazione usa il mezzo pubblico, di quel 10% solo il 25% sono abbonati annuali, quindi,se abbiamo detto 2600 abitanti, ma voglio essere figo visto che conosco molto bene la zona, te ne concedo 5000, il doppio, il 10% di 5000 sono 500, il 25% di 500 sono 125, quindi nella migliore delle ipotesi, in quella zona dovrei avere circa 125 abbonati.
Insomma nella migliore delle ipotesi, sono sotto di 335 abbonamenti, e ci avviciniamo al quel 70% di costi di gestione del servizio pubblico a carico di tutti mediante finanziamento pubblico!
Poi ci vorrei aggiungere un altro costo, sempre se mi viene concesso, la rete filoviaria che non ho la più pallida idea di quanto possa costare, ho cercato in rete, ma mi è saltata solo fuori un cifra pari a 450 mila euro al chilometro, mi sembra un po' eccessiva ma se la moltiplichiamo per i 4 necessari, sono circa un milione e 800 mila euro, non ti dico poi la realizzazione del capolinea per fare la svolta!

Certo la fermata più vicina per un servizio fino all'una di notte e a circa un chilometro e mezzo ma i numerosissimi residenti alla Birra 4 passi a piedi non li possono fare, c'è bisogno di aggiungere un autobus, creare una rete filoviaria, capolinea e relativo piazzale di svolta, perché mi sembra chiaro che un 18 metri non è una Fiat 126!


Laziale te la dico tutta, ormai siamo entrati in confidenza, mi sa che te non hai ben chiara la situazione e di cosa voglia dire gestire una azienda di trasporto pubblico e che sei uno di quelli che vede il complotto dappertutto!

Poi se hai voglia di dirmi che un'azienda che ti porta un autobus ogni 15 minuti dalla mattina alla sera in una zona periferica , che dopo le 20:30 se ti fai 1500 metri hai un autobus che viaggia fino all'una di notte, sia un'azienda non efficiente e il servizio fa schifo, scusami ma non riesco proprio ad immaginare cosa intendi te per efficiente e soprattutto quanto costa questa efficienza, perché se vuoi un servizio che parta da casa tua e ti porta dove vuoi, disponibile sempre esiste già, si chiama taxi, ma costa leggermente di più, quindi scrivi nel blog del taxista e lamentati con lui dei costi eccessivi, non con me dell'inefficienza della aziende nei confronti dei passeggeri, che per quello che pagano, a mio avviso dovrebbero anche baciarsi....meglio che mi fermi valà!

Permettimelo, ma ti aggiungo un altra chicca, voglio sbilanciarmi, non lo faccio mai, ma ti faccio una confidenza, quando i controllori vanno da quelle parti, si portano sempre dietro due blocchetti da 20 verbali...a buon intenditore poche parole!

Orologiaio Frustrato ha detto...

King, quanto ti ammiro tu non lo sai.
Le tue argomentazioni sono sempre documentate e ben esposte... ribattere e cercare di aver ragione è difficile.
Sono d'accordo con te su tutto, compreso il fatto che se anche si riesce a farsi togliere una multa con un cavillo, sempre abusivi si resta... ma l'italia. ormai ci siamo rassegnati, anche noi metallari-contro-l'establishment.

:(

lazialefracico ha detto...

1) uhm uhm... la birra dista molto lontano dall'asse della via emilia: e non ha una linea rossa, punto e basta! è un quartiere urbano di bologna dove il servizio termina alla 20.45 (il 91) invece che a mezzanotte, come avviene in tutti gli altri quartieri. Lì il bisogno di una deviazione del 13 c'è. Secondo me ci sono altre linee abbastanza poco remunerative per ATC, tipo il 32 e 33 sui viali. Comunque se il servizio è pubblico e deve garantire un collegamento a tutti i quartieri urbani, la falla per la birra è grossa. ATC è azienda privata ma vuole avere certi vantaggi del pubblico, bisognerebbe risolvere queste ambiguità, ma questo è altro discorso.
Se sul 91 fai molte multe è perché quella è zona difficile, piena di extracomunitari, che ci vuoi fare...

2) L'ATAC di Roma dà un buon servizio, paragonabile all'ATC, senza tante ironie. Quindi finiamola con la retorica di bologna all'avanguardia in tutto! La qualità del servizio dell'ATAC è molto migliorata negli ultimi dieci anni, e per ATC non si può dire altrettanto (forse perché già era buona, certo, ma sui tempi di risposta ai ricorsi abbiamo visto come si sono ristrette le garazie per il cittadino, ad esempio)

3) sugli ausiliari della sosta non ci siamo proprio: facciano quello che devono fare e non scassino la minchia su altro.... Sull'altro ci sono i vigili urbani!

4) ti do per buono il dato del 95 per cento dei ricorsi respinti dai gdp sulle multe su autobus: tenendo conto della facilità e dell'incontestabilità delle medesime, un 5 per cento di errore delle aziende di trasporto non mi sembra una gran performance. Certo ATC non accoglie il 5 per cento degli scritti difensivi, no? Quindi talvolta vale la pena andare dal giudice di pace! Poi non puoi dire che il cittadino che li vince lo fa solo per cavilli legali. Il cittadino che ricorre si presenta spesso senza avvocato, e espone di solito ragioni di merito. Semmai i cavilli li fanno le schiere di avvocati delle aziende interessate, a costo talvolta di arrivare in Casszione per far annullare sentenze avverse (il giudizio del gdp è l'unico di merito, ricorribile direttamente in Cassazione, che può annullare la sentenza solo per vizi procedurali o formali della medesima)

ciao, buone multe

Anonimo ha detto...

BIGLIETTAIO RASSEGNATI,FAI UN LAVORO DI MERDA.MA CIO' CHE MI FA TENEREZZA DI TE E' CHE SEI CONVINTO DI ESSERE SIMPATICO.

100% Antikomunista ha detto...

Anonimo... l'insofferenza alle regole denota una vena anarchica, che associata allo strepitare contro chi tutela l'ordine e alla vigliaccheria di non firmarsi, denota una componente sicuramente comunista. Chissà se con il cachemire o no?

Piuttosto, mi chiedo: i tuoi centri sociali sono chiusi, visto che vieni a blaterare qui? Fatti una canna così ti rilassi...

AndyCapp ha detto...

I centri sociali son chiusi si, li ha chiusi quel comunista di Cofferati :(
Rob de mat

Anonimo ha detto...

scolta king
adesso son tornato a lavorare in biga ( a parte il lunedì per motivi variedeventuali) quindi addio che ti becco
comunque dicevo, l'altro giorno avrei potuto avere un problema col citipass...cioè le obliterazioni non erano regolarmente una dietro l'altra, ma si incasinavano sovrapponendosi.
Io ho notato che a seconda di come "lo infilavi" la timbratura veniva più o meno bene, però cazzo ti giuro, io poi avrei chiamato anche Grisson a discolparmi eh
che poi, uno salte timbra e bona, non è che sta lì a fare le equazioni distanziometriche prima d'infilare il biglietto.
comunque tutto bene

goblin

Anonimo ha detto...

@ 100% Antikomunista:
certo che proprio non ce la fai a non buttarla in demagogia pseudo-politica eh? Neanche che a destra sian tutti santarellini dai, su, un po' di serietà. I pirla e i ladri son dappertutto, a destra e a sinistra. E le baby gang di figli della borghesia bene che van a far danni x noia, anche loro colpa dei comunisti? E il riscaldamento globale? Magari è il "sole rosso dell'avvenire" che scalda troppo, mannaggia a lui...
Mi fai un po' pena, che appena trovi il minimo appiglio la butti in caciara...che c'è? Il baffone Stalin ti ha molestato quando eri bambino e ne sei rimasto traumatizzato? Hai visto un film su Carl Marx per sbaglio pensando che fosse dei fratelli Marx e non hai dormito per una settimana? O più semplicemente sei un boccia di 14 anni che parla x slogan e frasi fatte? ma cresci un po' dai...
Come ho già detto, se devo sentir cagate, mi compro Libero o guardo il tg4.

MAO (che sta x Maurizio, evita facili battute politiche please)

poluz ha detto...

La linea 666 non so se esiste/sia esistita, però so per certo che esiste il mezzo numero 666! Carino il cimitero come posto per un controllo...

citaro85 ha detto...

La linea 666 non esiste, io ho capito qual è la linea reale e anche dove si trova il cimitero della foto...ma non lo svelerò lasciando il tutto avvolto nel mistero! hehehe

Leggevo l'interessante botta e risposta fra King e Laziale, ance considerato che oltre ad essere un autista, sono anche molto appassionato e conoscitore della rete dei trasporti bolognesi e della storia di essa.

Quando guidavo sul BLQ, passavo tutti i giorni dalla Birra, anche in orario notturno, e devo dire che sinceramente di gente in giro non ne vedevo proprio tanta. A mio parere, credo che un 81/91 in transito ogni 15 minuti sia più che sufficiente per quella zona, ecco, forse si inizia ad essere carenti al sabato pomeriggio o alla domenica quando la frequenza si alza a 30 minuti. Una deviazione del 13 sarebbe impensabile sia per i motivi magistralmente ed ampiamente espressi da King, sia per una probabile sovradimensione del servizio. Ecco, ci potrebbe stare magari una deviazione notturna, sullo stile del 13A per Carteria o del 19B per San Camillo, con le corse progettate in maniera tale da farci transitare autobus anzichè filobus (magari quelli provenienti da Carteria, visto che il prolungamento del 13 per Carteria è fatto da autobus) evitando così la costruzione della rete aerea, di non facile attuazione (vogliamo parlare di quanto tempo è passato per attivare il prolungamento filoviario del 13 da Ponte Savena a via Pavese, oppure la linea 14, che è da anni che dicono che deve diventare filobus, la rete è già pronta, ma chissà quando vedremo qualcosa...).
Non dimentichiamo poi che la Birra, che fa parte del comune di Borgo Panigale, ha anche un collegamento diretto con Borgo Panigale stesso, rappresentato dalla linea 54; cosa che manca ad esempio in altri rioni del quartiere, più popolosi della Birra, come Casteldebole, che ha sì una linea come il 19 che passa ogni 6/7 minuti e c'è fino all'una e mezzo di notte, ma per assurdo, se io, che a Casteldebole ci abito, devo andare a Borgo Panigale, devo cambiare almeno due autobus (una cosa da dire c'è : la rete bolognese pecca parecchio nei collegamenti periferici, visto che le circolari periferiche 38 e 39 sono le stesse di 30 anni fa, quando la città si fermava ancora prima del fiume Reno...).
Capisco anche che a tutti farebbe comodo avere sempre l'autobus sotto casa...a me ad esempio piacerebbe che il 61 notturno da via Battindarno venisse prolungato fino a Casteldebole, così avrei l'autobus tutta la notte e tutte le sere potrei uscire tranquillamente in autobus senza limiti di orario e lasciare a casa la macchina... :D :D ma capisco anche quali sono i costi che si devono sostenere per prolungare o intensificare una linea (mi parlarono tempo fa che per potrare, lo scorso anno, il 36 d una frequenza di 15 minuti a 12 minuti nelle ore di punta, non so quante migliaia di euro era costato...per alla fine aggiungere tre o massimo quattro autobus...)

ps King non sei mai salito sul mio bus a controllare...se c'eri ieri ne avresti avute da dire...facevo l'87, sono saliti alla Cavazzona, a bordo avrò avuto una decina di persone massimo, avranno fatto almeno sette o otto verbali...XD

Wagner ha detto...

Ciao,
passo di qui per segnalare che a Milano è iniziata la strategia del Fair Play:
http://www.atm-mi.it/ATM/Informarsi/Info+viabilita/Informazioni/13_03+CONTROLLI.htm