domenica 20 gennaio 2008

La professoressa


In gergo tecnico si chiama "Doppia Multa Con Rimbalzo", per cercare di far capire, due persone sedute vicino, uno abusivo professionista, l'altro passeggero distratto, naturalmente entrambi senza titolo di viaggio, solo che mentre l'abusivo professionista prende la multa, perché se la merita, il passeggero distratto, con magari in tasca un citypass timbrato la mattina, con le classiche due corse al giorno, andata e ritorno dal lavoro, magari anche con qualche abbonamento dei mesi precedenti, a dimostrazione della sua buona fede dicendo che si era distratto, si prende la multa perché il controllore non può fare altrimenti, se ha multato uno, deve multare anche l'altro!
Il rimbalzo però funziona anche al contrario, nel senso che se il controllore accetta per un qualche oscuro motivo la scusa dell'abusivo di turno, tutti gli altri abusivi presenti a bordo la faranno loro, e se tanto mi da tanto, "Scusi, se non ha fatto la multa a lui perché la deve fare a me?!?", quindi se ne grazi uno, sei costretto a graziarli tutti, e il controllo va a puttane, ma c'è sempre qualcuno che non è mai contento!
Il controllore sale a bordo dell'autobus, si qualifica e inizia il controllo, il solito gruppetto di persone si fionda alla porta centrale, questo giro però in testa c'è una signora molto anziana, trema premendo ripetutamente il pulsante della fermata, il controllore lo sa che è senza biglietto, ma non lo chiede subito, aspetta, controlla prima le persone sedute, una signora sui 50 anni, tira fuori subito un documento, "Mi dispiace, non ho fatto il biglietto!".
L'anziana è ancora li, sulla porta, manca poco alla fermata, è quasi fatta, il controllore si gira ma non dice nulla, ha un documento in mano e sta estraendo il blocchetto, non avrebbe continuato il controllo, avrebbe dato la possibilità alla vecchia di scappare, ma l'abusiva della terza età pensando di essere stata scoperta confessa, estrae dalla tasca un corsa semplice, e urla al mondo l'inefficienza dell'obliteratrice che non riesce a timbrare su un biglietto onestamente comprato da una povera pensionata! Il controllore annuisce, sempre in silenzio, prende il biglietto dalle mani della nonna, si gira verso la macchinetta, timbra il biglietto con estrema semplicità e lo riconsegna, "Grazie signora, e ci scusi per il disservizio!", le porte si aprono e tutti scendono!
Il controllore è ancora li, con il documento in mano, lo apre, professione docente, a questo punto sono scesi tutti, hai fatto andare via un'abusiva, anziana si, ma con con la scusa più vecchia del mondo, e davanti a te hai una professoressa, che non ha fatto una piega, ha ammesso la sua colpa e si è resa subito disponibile a farsi fare una multa, ma scatta il famoso rimbalzo!
"Anch'io ho provato a timbrare ma non andava!", il controllore si avvicina e sussurrando dice "Signora, ma lei il biglietto ce l'ha?", la prof rovista istericamente nella borsa, estrae un multi corsa, il controllore lo prende, e con la stessa semplicità di prima lo timbra, chiude il documento, rimette nel borsello il blocchetto dei verbali, e riconsegna il tutto alla signora, "Va bene, la macchinetta si è rimessa ad andare, scusi anche lei!", un abbonato si mette a ridere, questo forse crea un senso di rimorso e la prof non resiste, "No! Mi scusi, sono onesta, ma il il biglietto non l'ho fatto!".
E no cazzo! Ma allora non siete mai contenti, avevamo costruito un bel siparietto, tutto filava liscio, anche gli abbonati avevano compreso, tutti salvi e la prof si fa venire un rimorso di coscienza? Il controllore ne ha le palle piene, si riavvicina alla signora e sussurra, "Signora, vuole che non lo sappia? Onesto avrei dovuto fare due verbali, ma che faccio? Mi metto a discutere con una persona di novantanni?", la prof insiste, "Io il biglietto non l'ho fatto!", il controllore la stoppa, "Signora, oggi mi piace pensare che la macchietta era rotta, se vuole però, mi ridà il documento e le faccio 40 euro di multa, non è un problema!"
Evidentemente la coscienza della prof non valeva tanto e si è accontentata del gesto di perdono dell'abbonato accanto a lei, il controllore scende si accende una sigaretta e scossa la testa, l'autobus si allontana, anche questa è fatta, consapevole del fatto che il mondo è proprio strano e la gente non è mai contenta, ma va bene cosi, contento l'abbonato, contenti tutti, contento il controllore!

9 commenti:

Paolo ha detto...

è sempre, sempre colpa dei vecchi. sempre.

dicevi che non porti gli orologi: ma come fai a segnare l'ora dell'infrazione?
te lo chiedo perchè l'altro giorno la scusa di una vigilessa per farsi cambiare nel mio negozio la pila subito (cosa che non ho fatto), era che altrimenti non poteva scrivere l'orario giusto sulle multe. ahahaha.

KingFreak ha detto...

In genere uso il cellulare, a volte l'orario del verbale lo decidi ancora prima di salire sull'autobus, in altri casi, quando proprio non hai nessun punto di riferimento, lo chiedi all'abusivo...i controllori non sono come i vigili, i controllori gli abusivi li guardano in faccia mentre gli fanno la multa!

AnimaGotica ha detto...

Bello questo blog! Certo che il tuo lavoro dev'essere frustrante, no? O forse è più frustrante per noi viaggiatori onesti che il biglietto lo timbriamo sempre...e io sono una di quelle che lo timbra anche per il cane, se mi capita di prendere i mezzi con lei...peccato poi vedere salire comitive di punkabbestia seguiti da un intero canile...niente contro i punkabbestia o i cani, ma perchè io devo essere la scema che spende 2 euro?

autistaxcaso ha detto...

Sono piegato dalle risate ...
La descrizione dell'anziana è esilarante e la associo a tanti comportamenti simili notati in questi mesi ...
Pensare che prima di fare l'autista credevo che ad una certa età si diventasse "puri" e che a certe "furbate" si diventasse superiori ...
Invece poi ho scoperto che davvero nn vi sono "santi in paradiso" ... Meno che meno tra gli utenti del servizio pubblico

Anonimo ha detto...

2007 = verifica soft,2008 =verifica ultra soft ??

KingFreak ha detto...

A dire la verità, nel 2008, si è tornati al controllo normale, la tecnica "soft" iniziava a creare dei problemi agli abbonati, e l'abbonato ha sempre un posto in prima fila!

Anonimo ha detto...

quando biglietto non c'è,verbale ci stà; ma uno alla volta per carità.

Anonimo ha detto...

Non si puo far finta di non vedere, non vale la pena fare verifica all'acqua di rose. Purtroppo nel mucchio c'è sempre qualcuno in fallo.Quindi ne colpisci almeno uno con la speranza di educarne tanti,e cosi'svolgi il tuo lavoro in modo irreprensibile.

emanuele ha detto...

...devi scrivere un articolo con le scuse che ti dicono ti pregooooooooooo!!!!!

sarebbe comicissimo....:-)

emanuele