giovedì 29 marzo 2007

Il tipo con la radio

Giornata tosta in città oggi, anzi se dovessi riassumerla in una parola, la prima che mi viene in mente è CAOS! Descrivere oggi cosa ho visto in città, mi viene difficile, ma tanto per capirci c'erano almeno 20 autobus incolonnati nel centro storico, le uniche 2 strade in uscita dal centro bloccate, su di una camioncino parcheggiato male del solito onesto lavoratore che "Dove vuole che parcheggi, sto lavorando.....!" che decide di parcheggiare in seconda fila e funerale di Stato sull'altra...caos...ed ecco spuntare tra nuvole dello smog il controllore, mandato li a cercare di aiutare i colleghi autisti ad uscire dal blocco ed effettuare le deviazioni necessarie al proseguimento della corsa, chi meglio di lui può espletare a questo arduo compito, non che sia un genio in urbanistica, ma non deve capirne, lui deve fare "Quello con la radio", ovvero la persona che tutti credono sappia qualcosa..."OHH!Vai a chiedere al tipo con la radio, lui sa cosa è successo...!", naturalmente lui è li e deve ascoltare tutti, il passeggero incazzato, il taxxista stressato, il pensionato cagacazzo, lo studente fancazzista, l'automobilista che deve reimpostare il navigatore satellitare, lo scooterista "Ma secondo lei ci passo?", il cittadino di sinistra "Fatelo saltare in aria il camioncino!", il cittadino di destra "I soliti politici che non fanno un cazzo....!", nel frattempo deve schivare motorini, Suv e biciclette, mentre chiede gentilmente al tipo che sta facendo la foto con il telefonino di spostarsi da in mezzo l'incrocio, per poi dare retta all'amico che non vede da anni che passa proprio in quel momento e giustamente gli devi dare soddisfazione...caos...ma il controllore ha la radio...lui sa...sa cosa sta succedendo, per questo oggi il controllore è diventato lo "scarica stress-da-traffico" della città, ha le spalle forti il controllore.
Stavo valutando seriamente la possibilità di farne una professione, mi metto hai semafori, e per un euro a macchina mi faccio offendere dagli automobilisti per il tempo di un rosso, sono sicuro che per fare il biglietto dell'autobus l'euro non si spenda ma se hai la possibilità, con solo un euro, di scaricare le proprie frustrazioni "Al tipo con la radio" secondo me l'euro salta fuori!

2 commenti:

Marco ha detto...

Vero... quelli coi furgoni... spesso fanno calcoli complicatissimi per scegliere il punto dove infastidiscono di più!

Mi piace pensare che costoro si possano prendere una multa colossale per aver paralizzato la città... ma questo succede? Ne avete il potere? Insomma non sono un avvocato ma mi suona tipo "interruzione di pubblico servizio", no?

KingFreak ha detto...

In teoria l'autista o il controllore prendono il numero di targa e comunicano l'interruzione poi l'ufficio legale pensa alla denuncia, l'ideale sarebbe che i vigili avessero dei tempi di intervento rapidi in modo da portarlo via direttamente e allora li con la multa e tutto il resto avrebbe un iter più rapido e "convincente"