giovedì 6 agosto 2009

Il buco con il biglietto intorno


A me un giorno piacerebbe entrare nella testa di un abusivo.
Ok! Va bene! Siamo tutti abusivi in qualche modo, io sono quello che con il vespino in preferenziale aspetta il passaggio di un autobus per coprire la telecamera e farla franca, senza contare il portico a motore spento e il contromano nelle ore notturne. Sono una merda, lo so, ma se la multa la prendi quando la telecamera inquadra la tua targa, se non la inquadra risparmi 86 euro e 5 minuti in più di strada.
Sono una gran merda.
Però dai, alla fine io sfrutto un bug del sistema, ho commesso un'infrazione e quando mi hanno beccato ho pagato a testa bassa. Certo 86 merdosissimi euro non puliscono la mia coscienza, merda ero e merda rimango, ma provo a ragionare come un abusivo e il fatto di aver fottuto almeno una volta il sistema a detta di molti abusivi dovrebbe dare un senso di equilibrio sociale che in tempo di crisi non fa mai male.
Adesso io che sono nel giro, vi potrei raccontare duemila modi per girare in autobus quasi a gratis, non è difficile e non vi sto parlando di colla, tagli strani e doppie timbrature, vi sto parlando di bug di sistema, casi estremi ma possibili.
Però se mi presenti un biglietto con un buco sulla marcatura del giorno, tu non stai fottendo il sistema, tu stai prendendo per il culo il controllore!
Immaginiamo di uscire dal posto di lavoro tutte le sere alla stessa ora, con un euro mi sono fatto un abbonamento mensile, sono un genio!
Adesso mi manca solo un controllore cosi boccalone da credere al buco fatto mentre estraevo il biglietto dal portafoglio e il gioco è fatto!
Immaginate invece di essere un controllore e di trovarvi davanti ad un tipo che vi mostra un biglietto visibilmente alterato sostenendo alcune teorie sulla casualità buco-tasca-portafoglio-biglietto troppo avanti per essere considerate credibili a bordo di un autobus.
Cosa gli rispondete?
Cosa fate se si rifiuta di farsi identificare e vuole scendere?
Non ci voglio neanche pensare, per fortuna che i controllori sanno sempre cosa fare, loro sanno quasi sempre cosa fare in questi casi, sono addestrati ed abituati ad avere a che fare con i piccoli geni della truffa, in pratica visto un pollo visti tutti, gli abusivi sono tutti uguali!
In molti non lo sanno, ma la sanzione prevista per l'alterazione del titolo di viaggio ha circa lo stesso valore di un abbonamento annuale, ti arriva comodamente a casa insieme alle spese di notifica, e in genere, sapendo che lo hai fatto per risparmiare un euro di biglietto, brucia tantissimo!
Ma tu sei un furbo, sai che la possibilità di trovare un controllore cosi sveglio è remota e ci provi lo stesso, sei un abusivo, è un tuo diritto costituzionale provarci!
Io non ce l'ho tutto questo coraggio, fregare una telecamera è un conto, i controllori saranno infami, ma non sono proprio tutti tonti, e comunque neanche le telecamere scherzano un cazzo!
Io alla fine l'ho capito, pagare mi è servito, adesso allungo sempre di 5 minuti, infondo girare con il vespino non è cosi male e il tempo è solo un problema per chi lo misura.
Il solito consiglio, se vuoi fottere il sistema al controllore va bene, saresti un bug di sistema, calcolato e ammortizzato, ma se tarocchi il biglietto, non stai fottendo il sistema, stai prendendo per il culo il controllore. Può darsi che ti va bene, che sei bravo e hai fatto un buon lavoro, ma se buchi un biglietto di corsa semplice proprio sulla stampa del giorno, mi sento libero di avvisarti che proprio cosi tonti di controllori non c'è ne sono tanti.
Insomma nell'isola dei ciechi l'uomo con un occhio solo è un uomo fortunato, quello con il buco invece un po' meno!

19 commenti:

lazialefracico ha detto...

però, non ti ci vedevo a incastrarti accanto a un bisonte (solidarietà aziendale?)per scansare RITA! mi hai sorpreso.... però a quanto pare RITA di ha beccato uguale.

A me invece una volta mi sa che RITA mi ha graziato. Ore 23.30 di un giorno di gennaio di un paio di anni fa: stavo cercando posto per parcheggiare in via laura bassi. Schizzinoso come sono sul parcheggio, prima dei decidermi ne voglio vedere un po' di posti; ne giudico qualcuno sull'ultimo tratto della via verso murri e decido di svoltare a destra sulla medesima via murri per poi risvoltare a destra alla prima traversa e tornare su via bassi per parcheggiare nel posto prescelto. Il giro dell'isolato insomma. Quando mi trovo all'incrocio con la rotonda su via murri, di fronte alla piscina dello sterlino, volto a destra in via murri, e tacchete mi ritrovo sopra la corsia gialla. Non sono della zona, non mi ricordavo che lì c'è una storica prefernziale lunghissima, fino alla porta e oltre! Però che cazzo, di avvisi che mi vietassero la svolta a destra non ce n'erano, su via bassi, o non li avevo visti io (dubito...). Urlo letteralmente "oddio, RITA!" e mi precipito a svoltare a destra alla prima traversa, per fortuna manifestatasi dopo 8 metri. Rimango col dubbio atroce che per quegli otto metri di preferenziale di via murri, in assenza totale di traffico e bus (erano le 23.30), mi sarei beccato comunque una multa da umarèll nella città degli umarèlls, unico luogo in cui puoi beccarti multe così stronze in Italia. Già vagheggiavo nella mia crapa di ricorsi al GdP onde rivendicare l'assenza totale di avvisi, l'innocuo mio percorere pochi metri in notturna. Intanto però la mattina dopo mi voglio sincerare se in quel tratto di via Murri, esterno al centro un bel po', vigesse o meno la telecamera fottuta. Telefono al numero apposito e la signorina mi dice che sì, la telecamera inizia presso l'incrocio dagnini - murri. Prendo frneticamente ma già col sapore della sconfitta il tutto città, e vedo che quell'incrocio sta ancora più fuori! Cazzo, ero compreso nel lungo tratto, non c'era niente da fare! Però passa il tempo, passano mesi, e non è arrivato niente. Che qualcuno al Comune una volta tanto abbia usato il buon senso? oppure c'è un bug, una falla dei controlli in qualcuno dei molti incroci di immissione intermedia sulle radiali interessate da RITA?

Anonimo ha detto...

A fracico, mi sembri come quei personaggi da film di Verdone, MA VIVI SERENO !!! Ma già ti vedo a ri-telefonare alla signorina per segnalare che "c'e stata un falla nei controlli" e che dovevi ricevere la multa entro i termini per poi avere la soddisfazione di presentare ricorso al giudice....
E se malauguratamente anche quella volta il giudice ti avesse tolto la multa, avresti poi fracassato di commenti il blog del visionatore di telecamere RITA ?
MARCO C.

Brazov ha detto...

@Kingfreak:

LOL
Postali più spesso questi espedienti degli abusivi e sempre con le foto, altrimenti la gente non ci crede!! Va a finire che un giorno qualcuno ti racconta che sull'autobus lui non ci voleva nemmeno salire, ma ce l'hanno spinto!!!

Anonimo ha detto...

Piccolo falsario:

come ti ho gia' detto ora guardo spesso il tuo blog, mi piace molto come scirvi; detto questo non sono daccordo con te su un punto, falsificare un biglietto ( che sia per il parcheggio , treno o autobus) la cosa non cambia cerchi di aggirare il sistema. Io credo che non lo si fa per prendere per il culo il controllore , lo si fa perche' il sistema e' debole, ci sono mille modi per far si che i biglietti non si possano falsificare ma si ostinano a restare nella preistoria. Pero' sono daccordo che se prendi la multa , stai zitto e la paghi , sono 12 anni che non pago i biglietti e solo una volta un controllore in un treno mi ha beccatto, dopo aver guardato il mio biglietto mi guarda fisso e mi dice : e' quello che penso ? e io rispondo : si , mi chiede di seguirlo mi fa una multa in una cartaccia gialla e mi dice di non farlo mai piu', io mi scuso e lui mi sorride; lui ha capito che non lo facevo per prendere per il culo il controllore ma aggirare il sistema.
Molte volte la mia ragazza mi chiede un biglietto per il l'autobus e io gli rispondo che per un paio di volte rischire una multa e' da stupidi e egoisti, gli dico di pagare un euro e come prima cosa timbrare il biglietto.
Io vi stimo voi controllori perche' vi vedo , per voi ogni giorno e' come andare in guerra e vi dite, oggi chi mi tocchera'?

KingFreak ha detto...

@Piccolo Falsario

Se tu usi dei buchi nel sistema, a prova di controllore mi sta anche bene, ma l'alterare il titolo di viaggio prevede già nelle sue fasi il fatto che il controllore non se ne accorga, quindi nel tuo sistema inserisce anche la variabile del controllore tonto!
Questo da un po' fastidio!

Ammetto anche che ci siano lavori fatti bene, e che tra virgolette meritano anche il mio rispetto!
Ci sono persone che dell'alterazione del titolo di viaggio ne hanno fatto un arte, ma
se rischi tanto, non avrebbe poi senso farla franca una volta beccato, fa parte del gioco, ci hai provato, t'ha detto male.
Nel gioco delle parti se tu speri nel controllore tonto, il controllore si prende la sua rivincita con una sanzione che vale un abbonamento annuale, altrimenti che gusto ci sarebbe a beccare un falsario e farlo passare da gran capo dei polli?

Rogue ha detto...

Mi sono ritrovata a fare l'abusiva a Roma. Io il biglietto lo faccio sempre, ma mi son trovata TUTTI i tabacchini chiusi, le edicole senza biglietto e a bordo non li facevano.
Errr, il controllore non c'era, ma, obiettivamente, secondo te potevo farmi a piedi quello che già in autobus è mezz'ora? Mettete le cazzo di emettritrici a bordo.

(Abusivo's - occasionale - mind)

KingFreak ha detto...

@Rogue

C'è gente che compra i biglietti aerei mesi prima...

C'è gente che compra il biglietto del treno giorni prima...

C'è gente invece che pretende di trovare un biglietto dell'autobus ovunque si trova...forse perché in aereo senza biglietto non ti fanno salire e in treno al 99% se non hai il biglietto ti fanno la multa!

Sono sicuro che se avevi la certezza di rimanere a piedi oppure di prendere una multa il biglietto lo compravi per tempo!
L'abusivo non è solo chi non ha il biglietto, l'abusivo è anche quello quello che pretende di girare a gratis per il semplice fatto che mettersi in regola è troppo sbattimento!

Anonimo ha detto...

@ Piccolo falsario
KingFreak , hai ragione molte volte non ci si organizza per tempo e fra tante cose che dobbiamo pensare , fare un biglietto quando non ti serve e tenerlo solo nell'eventualita' che ti protrebbe servire non e' da tutti. Detto questo non sono daccordo con te quando parli dei treni o dell'aereo, li i biglietti li fai sul momento , ovvio puoi anche prenotarli e cosi' ti risparmi qualcosa ma per l'autobus non si risparmia niente ( se non la multa ) ; pero' quello che dice Rogue non e' sbagliato, se verebbero messe delle emettritrici a bordo gli abusi non potrebbero piu'usare la scusa " non sono riuscito a fare il biglietto" , non dico di metterle per ogni fermata come nel treno ma a borgo sarebbe una bella cosa.

Rogue ha detto...

Quanto ai treni, se nella stazione da cui sei partito non c'erano sportelli aperti e non funzionava l'automatica puoi regolarizzarti a bordo senza pagare sovrapprezzi, se lo dici subito al capotreno. (lo so, non ci crede nessuno quando lo dico, ma è così!) Sarebbe alquanto stupido dire alla gente che deve farsela a piedi fino al paese accanto e vedere se lì funziona qualcosa.

Ok, i tabacchini sono più frequenti delle stazioni ferroviarie, ma se son tutti chiusi siamo al punto di prima.

Inoltre treno e aereo si prenotano, l'autobus no, questo perchè ne passa uno ogni 5 minuti e si presuppone che, data la frequenza e la quantità di gente a bordo, fare il biglietto sia semplice e immediato. I biglietti aerei non li vendono ai tabacchini.

Sarò abituata male io, che se non ho il biglietto so di poterlo fare sul bus con un piccolo sovrapprezzo!

KingFreak ha detto...

La bigliettazione a bordo è sempre stato un grande problema.

In città in area urbana è possibile fare i biglietti a bordo con l'emettritrice automatica, mentre sugli extra urbani l'autista fa i biglietti a prezzo maggiorato, con l'unica condizione che non accetta tagli di banconote più alti di 5 euro.

Ciò non toglie che comunque di abusivi c'è ne sono lo stesso, in più, come già detto più volte, parlando da autista, io se devo fare la bigliettazione a bordo, primo voglio una percentuale sui biglietti che vendo, secondo vorrei la sicurezza di non dovermi trovare ad un capolinea isolato con la cassa piena e un coltello puntato sotto la gola, perché con tutto il rispetto, vale molto di più la mia vita, che 40 euro di multa!
Non metto in conto il discorso del tempo, se ad ogni fermata mi devo fermare a fare dei biglietti, immagina quanto tempo perdi e l'intralcio che dai alla circolazione stradale, a me va bene tanto sono pagato a tempo non a giro, ma il primo passeggero che si lamenta per il ritardo o il primo automobilista che mi suona incazzato smetto di fare i biglietti!
Purtroppo dire "bigliettazione a bordo" comporta tante cose che non tutti sono disposte a pagare, trentanni fa c'era il bigliettaio a bordo, poi è venuta la moda "meno tasse per tutti" e "dipendenti statali fannulloni", di conseguenza meno personale e non pagato abbastanza per guidare, fare il bigliettaio ed essere responsabile di una cassa, immagina girare con 400 euro non tuoi su un autobus e dimmi quanto vorresti al giorno per prenderti questa responsabilità!

Concludo facendoti un ragionamento da controllore che sale su un autobus e si trova 20 persone in regola e uno che dice che non è riuscito a fare il biglietto per i motivi che dici tu, cose deve fare lasciarlo andare?
Secondo te le altre 20 persone che si sono sbattute per procurarsi il biglietto non dicono niente?
Se lo lasci andare e non gli fai la multa, il giorno dopo ti ritrovi con 20 persone che ti dicono che non sono riuscite a trovare il biglietto!

In poche parole, io rimango dell'idea che se tu hai bisogno di muoverti, tu di devi preoccupare per essere in regola, se poi vogliamo la bigliettazione a bordo non c'è problema, però il biglietto lo facciamo pagare il doppio, con i soldi in più ci si paga tutto il costo dell'operazione.
Purtroppo a queste condizione non accetta nessuno, tutti vogliono la botte piena e la moglie ubriaca, quindi io continuo a fare solo l'autista, e tu se ti vuoi muovere ti sbatti a cercare un biglietto, se non lo trovi paghi 40 euro di multa!

AndyCapp ha detto...

KF ha ragione :)
Purtroppo lui ha ragione (normale, chi è sul pezzo capisca piu di chi scalda il culo sulla poltrona)
Qui nel selvaggio nord facciamo cosi (e un po diverso fal KF ma va bene)
Il biglietto costa 2, a terrea costa 2, se ti abboni costa 0.90
Secondo voi cosa fa la gente qui ?
KF ha ragione da vendere, deve solo aspettare che sia potibile anche all'ombra di zanarini

Anonimo ha detto...

In riferimento al problema della bigliettazione a bordo del bus, a Ravenna lo hanno risolto in questo modo :nelle rivendite autorizzate il tichet costa 1 euro mentre sul bus acquistato dall'autista costa 2 euro(in area urbana).Domanda: perchè a Bologna ciò non si fa?

La Cassiera ha detto...

Pazzesco! che poi è un buco così preciso che si vede da lontano che è fatto apposta... che volpe!

antonio ha detto...

Ciao, sono capitato per caso sul tuo blog. Non male per essere un controllore. Ho letto un po' di post, hai una vena da copy pubblicitario. Complimenti. Mi permetto di linkarti al mio blog. Buon lavoro :)

Davide ha detto...

Un saluto a tutti, ed un ringraziamento speciale a King, è quasi 2 anni che seguo il tuo blog!

Cerchiamo un attimo di andare sulla situazione attuale del TPL (trasporto pubblico locale), so che molti di voi non saranno d'accordo con i miei pensieri, ma questa è la realtà dei fatti.

Dalle svariate privatizzazioni che ci sono state sia per le ditte di autobus, sia per le ferrovie dello stato, il viaggiatore/passeggero è passato dal chiamarsi UTENTE a chiamarsi CLIENTE: una differenza tanto sottile, quanto enorme.
L'UTENTE ha prima di tutto dei diritti e delle necessità poichè sfrutta un diritto messo a disposizione dallo stato/regione, percui richiede ed esige spesso ottenendo.
Il CLIENTE, nella mentalità odierna delle aziende, (che sono ritenute da molti monopolistiche come Trenitalia per i treni, o la stessa ATC per quanto riguarda i trasporti urbani a Bologna), è una persona che stipula un contratto.

Il cliente accetta il contratto e ricordatevi che il singolo ha prima di tutto un DOVERE: prima di salire acquistare il biglietto, poi in base ai vari contratti può accedere al rimborso se l'aria condizionata è guasta o se una corsa fa grosso ritardo, ma solo se questo è previsto nel famoso contratto accettato.

Il treno, l'autobus, la funicolare, il tram, ecc... sono ritenute ALTERNATIVE, non un diritto del cittadino!

Se a qualcuno non va bene la condizione del trasporto perchè gli autobus sono sempre senza aria condizionata e puzzano o non piace il treno perchè è sempre in ritardo è libero di trovare un mezzo alternativo es. il taxi che è più veloce, è più comodo, è tutto per te, puoi farlo andare dove vuoi, arriva subito, l'autista mette l'aria condizionata come vuoi tu, ma ovviamente costa di più! (il prezzo del servizio).

Queste sono scelte di vita: vuoi prendere l'autobus, ma non trovi i biglietti quel giorno? (che magari è una domenica di Agosto?) chiedi vengano venduti in vettura bene, ma il prezzo di quanto costa sull'autobus lo decide ATC, NON il cliente! E se sull'autobus ti vendessero il biglietto a bordo a 7 Euro anzichè a 1 Euro? Tu sei soddisfatto perchè ti viene data la possibilità di non pagare la multa pagando un sovrapprezzo per una tua negligenza (acquistare il biglietto prima)? o ti girano le balle perchè ti chiedono 7 Euro?

Se la risposta è che sei soddisfatto vorrà dire che ti troverai in quell'occasione forse una volta sola nella vita.

Se ti girano resta l'opzione di chiamare un taxi!

lazialefracico ha detto...

domenica non sono potuto andare a vedere lazio atalanta perché vietata ai non residenti nel lazio. Così anch'io, abitante nella innocua umarell's land, ci sono andato di mezzo.... siamo nel paese delle banane

Anonimo ha detto...

Ho scoperto da un conoscente (in quanto su autobus e sito dell'azienda non c'è scritto - ma è legale? Fanno solo riferimento a articoli di una legge regionale) che a Trieste la multa se sei senza biglietto è di 15€. Un abbonamento costa circa 30 euro. Un biglietto circa 1 euro. i controllori li vedi se ti va bene una volta ogni 6 mesi. Allora mi dico: ma scherziamo? Ma cos'è, un buffetto sulla guancia? francamente se questo è il sistema x fermare gli abusivi non capisco. Più che altro mi sembra un incentivo a girare a scrocco...

MAO

JYog ha detto...

@MAO
Da notare il testo della Legge Regionale cui fanno riferimento sul sito web Trieste Trasporti...

http://lexview-int.regione.fvg.it/fontinormative/xml/xmllex.aspx?anno=1997&legge=20

:-)

Anonimo ha detto...

@ JYOG
Fantastico! :-(
Spero che facciano fede le "successive modifiche e integrazioni"....

MAO