lunedì 22 settembre 2008

Gesti


Pagare 40 euro una multa scoccia a tutti, è chiaro, ma del resto nessuno ti ha costretto a prendere un autobus e nessuno ti ha impedito di fare il biglietto. Certo potevi non avere un euro, potevi non aver trovato una rivendita, potevi, ma potevi anche sbatterti un attimino, del resto lo sai, ci vuole il biglietto se vuoi prendere un autobus oppure puoi rischiare, magari ti va bene, magari ti va male!
Potresti avere anche una buona scusa, e una buona scusa va raccontata bene, ma se sei sordo e muto, allora devi essere molto convincente e bravo con le mani!
Fermiamoci un attimo, stiamo entrando nel campo dell'handicap , e quando si parla di questo è molto facile, come si dice, pestare una merda!
Io non vorrei pestare merde, però penso che se sei un sordo muto non sei stupido, potremmo avere difficoltà a comunicare, ma non sei stupido, del resto anche il controllore potrebbe avere qualche difficoltà nel comunicare, ma anche lui non è stupido.
Infatti quando ha chiesto un biglietto e si è visto fare un gesto di negazione in posizione dell'orecchio ha pensato subito ad un cliente straniero rivolgendosi con un classico "Ticket, please!", solo dopo ha capito al fatto che davanti aveva un sordomuto con la sua compagna anche lei sordomuta!
Prontamente il controllore allora, capita la situazione, mima il classico gesto del biglietto che si inserisce nell'obliteratrice, l'abusivo silenzioso ne mima l'assenza, il controllore mima l'estrazione di un documento e con la penna finge di scrivere sul blocchetto per mimare la multa!
La compagna mima al controllore di stare calmo, il controllore non aveva ancora detto una parola, o meglio accompagnava con la voce i gesti, e ricambia, mimando che anche lui che era meglio che ci calmavamo tutti, visto che la situazione era abbastanza chiara, sei senza biglietto e non c'è nulla da dire o sentire!
Poi la scusa, un classico, avevano cinque euro e non avevano trovato da cambiare, mimata la banconota e indicata la cifra "cinque" era tutto piuttosto chiaro, ma litigare a gesti stava diventando inopportuno agli occhi degli altri passeggeri, il controllore cattivo che le la prende con due poveri handicappati, Dio me ne scampi!
Non so cosa sia scattato nel cervello del controllore, ha cominciato a trattarli come due abusivi qualunque non offendendo la loro intelligenza credendo ad una scusa banale!
Adesso però non si mima più! Il controllore parla, se vuoi da cambiare cinque euro lo trovi, entri in un bar, prendi una bottiglia d'acqua, e ti ritrovi con quattro simpatiche monete da inserire nell'emettritrice per fare i biglietti, non puoi pensare che basti avere 5 euro in tasca e ti sei fatto l'abbonamento a vita!
Ma non voglio andare oltre, comunque sono scesi dall'autobus e in un attimo si sono ritrovati con 80 euro di multa, certo il controllore ne poteva fare una sola vista la situazione, ma il ragazzo era agile e svelto con le mani e certe parole si intuiscono molto facilmente.
Vi ho raccontato una storia e non vorrei aver pestato una merda, qualcuno potrebbe pensarla male e parlare di discriminazione, il fatto che erano anche un po' stonzetti li collocava nello standard di abusivo medio, quindi era giusto trattarli come due persone normodotate, ma prive di regolare titolo di viaggio!
Ma io non sono custode della verità, io racconto storie è questa è una storia divertente, litigare a gesti non capita tutti i giorni, ma in città succede anche questo, un gesto può significare tutto e a volte farne di meno potrebbe farti risparmiare qualcosa, farne troppi, invece, fa diventare sordo il controllore quasi come un urlo!

4 commenti:

Orologiaio Frustrato ha detto...

Io ti dò ragione al 100%.
Sono a favore del trattare tutti allo stesso modo secondo le regole, certo sono persone che dalla vita hanno avuto solo carte sfortunate, ma questo non gli dà il biglietto d'oro che gli permette di fare quello che vogliono, soprattutto se sono persone intelligenti.

(ricordiamo anche il patetico caso simile successo a me -lo trovi negli archivi del mio blog-, due sordomuti che litigavano con me in negozio PERCHE' NON GLI CAMBIAVO LA PILA SUBITO. hanno le stesse esigenze degli altri, seguano le stesse esigenze degli altri. sono persone normali, dopotutto.)

littlecaesar ha detto...

Anche io non vedo il problema... Ti sei comportato come ci si deve comportare.
Anche perchè altrimenti avresti corso il rischio contrario "Perchè loro la multa no e loro sì?"

autistaxcaso ha detto...

Ma non ci diciamo sempre che queste persone non vanno discriminate e che, devono (giustamente) avere la possibilità di fare una vita normale ?

nella vita normale ci sono delle regole ...
Se non le rispetti giusto che paghi ...

Tu hai fatto una sanzione ad una persona che, come tante altre, era senza biglietto ...

Credo che tutto il resto non conti ...

ciao a presto

wwolvi ha detto...

Si fa'sempre presto a parlare di discriminazione,razzismo e incivilta',senza pensare che sono proprio le persone discriminate a voler essere trattate in maniera differente!!!Sarebbe ora di smetterla con queste false lamentele.....siam tutti uguali e bisognerebbe iniziare a rispettare le stesse regole!!!!Pari diritti,stessi doveri....aloha
Wwolvi.splinder.com