lunedì 21 dicembre 2009

La tonnara


Io ho uno zio pescatore, un lavoro molto faticoso, lui esce in mare aperto butta le reti e aspetta.
Una volta gli ho chiesto come faceva a sapere che in quel punto avrebbe pescato più pesce piuttosto che da un altra parte. Mi ha risposto parlandomi di correnti, periodi di accoppiamento, fondale marino e tanto culo, ma che sostanzialmente i pesci non sono molto intelligenti e non è molto difficile poi, con un po' di esperienza, farli cadere nella propria rete.
Potresti metterti ad una fermata fuori da una facoltà universitaria, aspettare l'orario di fine lezione e se sali su quell'autobus a controllare i biglietti stai sicuro che le ricevute gialle sventoleranno come piccoli pesciolini tropicali. Lo stesso discorso lo si può fare all'uscita di una fabbrica, oppure molto più semplicemente all'uscita di un centro commerciale che fa le promozioni Natalizie!
Insomma ti puoi mettere in random come un pescatore della domenica a cercare di beccare qualche pesciolino provando a buttare l'amo qua e la, oppure ti puoi organizzare con la pesca d'altura e andare a buttare le reti la dove sai che i pesci sono tanti e tutti buoni per cucinarli a fuoco lento, gustandoti l'odorino della cottura, aspettando che il piatto ti venga servito direttamente nelle mani senza tanta fatica!
Si prende un autobus, e invece di farlo guidare ad un autista, si mette alla guida un capitano d'esperienza nella pesca grossa, un controllore, uno di quelli che conoscono le correnti e i fondali migliori, di quelli che sanno quando calare le reti e sopratutto sanno come comandare una nave quando il mare è in burrasca!
Poi si sceglie l'equipaggio, uomini fidati, senza scrupoli, gente che conosce il mare, gente che sa affrontare la tempesta come chiunque di noi attraverserebbe il salotto di casa.
Si parte....
Si gira senza numeri di linea, si scruta l'orizzonte e ci si dirige nelle zone più "pescose"....
Una volta battezzato il fondale migliore, si accende il cartello con numero e destinazione e si effettua la fermata regolare, come un autobus normale!
I pescioloni salgono, si accomodano e si aspetta, si aspetta l'attimo giusto, giusto il tempo per evitare i "Sono appena salito!" e "Lo stavo per fare!", poi si parte, quelli che un attimo prima erano i tuoi compagni di viaggio, un attimo dopo sono la cosa peggiore che ti possa capitare su un autobus.
Sono controllori, sull'autobus ci sono solo abusivi e nessuno ha fretta!
Ogni tanto casca nella rete la specie protetta dei pesci abbonati, ma per loro nessun problema, vengono liberati dalla rete e li si fa accomodare sul l'autobus che li segue, quello originale, con tante scuse per il disturbo!
Sei in trappola, il pesciolone è cascato nella rete, nessun buon samaritano, nessun abbonato, nessun orario da rispettare, solo una questione tra controllori e abusivi!
Adesso però non mi fate gli ambientalisti e non me la menate con la "questione morale". Hanno preso un autobus? Erano senza biglietto?
Cosa cambia se sono stati presi a "campione" oppure li sono andati a cercare?
Sempre abusivi sono e sempre 40 euro devono pagare!
Cosa credete, che le scatolette di tonno crescano sugli alberi?
Certo c'è anche il pesce d'allevamento, ma pensate mai che qualcuno si metta a crescere abusivi in un capannone, in attesa che diventino maturi, pronti per essere messi in pasto ai controllori?
Non diciamo cazzate!
Non lo so ragazzi, ma io sono per il romanticismo da pescatore seduto sul molo, con una canna di bambù in mano e il sole al tramonto come sfondo, non mi ci vedo su una tonnara a solcare i mari!
Ma adoro gli spaghetti al tonno, quelli spaghetti che prepari in 5 minuti quando hai fretta...due scatolette di tonno, un po' di sugazza, 200 grammi di spaghetti, 5 capperi e un alice...mhm...a questo punto chiedetemi se mi frega qualcosa dei tonni e delle tonnare?
Sono dell'idea che con una canna di bambù non peschi un marone, ma l'immagine piace a tutti e allora va bene cosi, ma state in campana perchè in città girano le tonnare dei controllori...e a me è venuta voglia di spaghetti al tonno!

28 commenti:

Anonimo ha detto...

Cazzo che organizzati che siete...non sapevo ci fossero pure gli "autobus fantasma" che appena caricato il carico di abusivi spariscono in una viuzza e poi giù di multe...
Dai King, vogliamo la storia di quando hai rifatto la fiancata alla Porche!!!

MAO

girl68 ha detto...

Oddio mi viene la voglia matta di poter salire anch'io su uno di questi bus e vedere che succede.
Ma il bus fantasma dopo aver caricato una fiumana di gente continua la corsa regolare o li fa scendere tutti qualche fermata dopo?
E' bellissima questa immagine dei pesciolini che cadono in rete...ops degli abusivi che salgono sul bus. Buon Natale King

Rusce ha detto...

ahahaha bastardissimi!!!!
A chi è che è venuta questa idea geniale???

autistaxcaso ha detto...

Sapevo del trasbordo da bus a bus dopo il controllo, (della serie sei in regola vai, non lo sei resti a farti verbalizzare) ma questa è davvero originale.
Se ci si potesse proporre verrei a fare l'autista ;-)
ciao buone feste

Lucicoss ha detto...

Ma lo fate davvero-davverissimo o è una tua splendida fantasia?

AndyCapp ha detto...

Un po come fare un controllo antidroga ad un concerto di Bob Marley ;)

mg_cartman ha detto...

king... king...
sai che non sono proprio d'accordo sulla divulgazione...
lasciamo che il branco di pesci si dibatta nella rete, impigliato tra 2012, dietrologie, teorie del complotto e via dicendo...
i dubbi macerano e la carne macerata è più tenera e saporita...

per il buon amadux autista x caso, ci si può mettere d'accordo, in effetti...
ma alla fine... nei giorni di festa... si è più buoni o no?
king...sei sempre er peggio ;-)
ww

lazialefracico ha detto...

torniamo ai bei tempi di quando ti sfruculiavo.
oggi sale in corriera un tipo che deve secndere 2 km dopo, siamo fuori città. Chiede di poter fare il ticket a bordo, maggiorato, ma l'autista non ha la macchinetta nel suo abitacolo. "alora csa fagna?", chiede il tipo: cosa facciamo, per gli italiani. Risponde l'autista: eh, niente, omaggio? MO SE SALIVATE VUETER COME ANNAVA A FINI'???? a chi la facevate la multa di fine anno?
a proposito, sabato 2 gennaio ci fate viaggiare gratis? poi se ne riparla lunedì 4, di timbrare, dai

Anonimo ha detto...

Io continuo a pensare che il sistema bigliettaio sull'autobus sia la cosa migliore.. Non scappi lui é li.. un pò come su quelli inglesi.
e controlla che uno passi la tessera o il biglietto, e se non ce l'ha lo fa li.. se casca il furbo, senza problemi partito l'autobus, esce dal suo cubicolino si avvicina al furbozzo fra una fermata e l'altra.. e il furbozzo o paga il biglietto, o si acchiappa la multa, nessuna scusa possibile, nessuna via di fuga, nulla.. o paghi o paghi, semplice pratico, lineare..

Stefano ha detto...

la differenza è che in inghilterra e in generale nei paesi normali "se casca il furbo, senza problemi partito l'autobus, esce dal suo cubicolino si avvicina al furbozzo fra una fermata e l'altra.. e il furbozzo o paga il biglietto, o si acchiappa la multa," opure viene buttao giù a calci dal biglieattaio e a terra c'è già un bobby (poliziotto inglese) ad attenderlo che prima che si rialzi gli ha già stampato una manganellata sulle gengive. In itaGLIa uscirebbe dal suo cubicolino e si prenderebbe una coltellata, e probabilmente poi anche una denuncia per qualche forma di violenza.

A parte questo non ci sono i soldi per farlo

AndyCapp ha detto...

caro aninimo, in questo blog e' severamente vietato parlare di inghilterra (doe il bigliettaio non c'e, i biglietti li controlla il guidatore) o altri paesi europei.
Ti spiegheranno che e' impossibile, infattibile, utopistico e dettaglieranno minuziosamente il perche' ed il percome in italia NON si possa fare quello che tutti gli altri paesi fanno.
Daltronde siamo il paese in cui gli stessi treni che girano in norvegia da noi si fermano per 10 centimetri 10 di neve...ma guai a dare la colpa ai ferrovieri!!

KingFreak ha detto...

Il caro Andy ha ragione, più volte abbiamo affrontato il discorso, e più volte abbiamo discusso...noto però come sempre una certa ironia nel dare la colpa tutta a quei sindacalisti dei dipendenti pubblici!
Mi sembra riduttiva come cosa....
Dico solo che è inutile mettere un omarino con potere zero a bordo di un autobus, nella convinzione che bastino le parole per convincere una persona a comportarsi in maniera civile....sarebbe solo l'ennesimo spreco di soldi per far tacere l'opinione pubblica che pretende ordine e sicurezza!
Come faceva notare l'amico Stefano, dammi la possibilità di buttare giù a calci nel culo chi rompe le palle e poi successivamente di punirlo come merita senza giocarmi la pensione o il posto di lavoro, e ti assicuro che in un paio di giorni voglio vedere il pirla che ha il coraggio di prendere una autobus senza biglietto....come fanno in Inghilterra!

Volere è potere!

lazialefracico ha detto...

veniamo all'ultima proesta di fine anno. compare una lettera su repubblica bologna di ieri dove una ragazza 28 enne si lamenta della multa: a suo dire era salita voleva timbrare ma siccome era buio davanti, era sera sull'87, si è portata al centro del bus per cercare il biglietto. appena l'ha preso, dice nel giro di dieci secondi, si è recata alla macchinetta ma i controllori l'avrebbero bloccata dicendole che era ormai tardi e multandola. Giù con rilievi sulla freddezza razzistoide dei medesimi (la ragazza è romena e si è sentita discriminata). Per di più stava andando a riprendere la nimba dalla madre a bologna, dopo giornata di lavoro. alle lamentele i controllori arebbero risposto di prammatica "faccia ricorso". quello che dico io è questo: la regolina del dare il tempo al passeggero di timbrare entro la fermata sucessiva a quella di salita non è tsnto errata, caro kf. Così vc'è un limite oggettivo. mo vai tu a sindacare se la tipa ha aspettato pochi secondi o troppi secondi! sul fare ricorso, poi! significa affrontare una probabile non risposta a comunque un'automatica boccistura da parte dell'azienda, subirsi l'ord ingiuntiva triplicata e poi andare finalmente dal giudice terzo. qursto è quello che avviene.

lazialefracico ha detto...

ah, buon anno

KingFreak ha detto...

A lazia' non è difficile...sali, timbri ti siedi, non è difficile!

Se non lo fai sei in multa...


Ultima cosa...linea 87 sub-urbana, se la multa è di 45,90 vuol dire che era fuori dall'area urbana, e tu sai che c'è parecchia distanza tra una fermata e l'altra, di sicuro una distanza che non si percorre in 10 secondi!
Poi magari chiedere all'autista dove la signora è salita oppure con la macchina di servizio che si usa in extra-urbano non la si è vista alla fermata prima che aspettava!
Insomma se si è presa la multa vuol dire che se la meritava, se poi vince un ricorso buon per lei, ma sta sicuro che la prossima volta che prende un autobus la prima cosa che fa è il biglietto!

Anonimo ha detto...

e bravo pit!!!
mentre leggevo "... la prima cosa che fa è timbrare il biglietto!" ti ho pensato aspirare attraverso i denti con un leggero movimento delle labbra... alla hannibal lecter, per intenderci... ehehehhe
ti ricordi la scena finale de "il silenzio degli innocenti"? lei che al telefono, invano, lo chiama:
dr. lecter...
dr. lecter...
dr. lecter.....

buon anno!!!
ww

metropoleggendo ha detto...

ma se il ticket on the bus desse la tranquillità di leggere senza l'ansia da avvistamento?

Bufalo ha detto...

@ Kf : Rommel ti fa 'na sega ...

(buon anno).

Anonimo ha detto...

>.< un lavoro piu inutile non potrebbe esistere ...Sembra che per voi fare multe sia un divertimento e io mi chiedo quali gratificazioni puo dare un lavoro del genere.

KingFreak ha detto...

...io mi chiedo quali gratificazioni può dare un lavoro del genere.


Nessuna! Solo puro è semplice piacere nel rompere le palle a chi voleva fottere ed è stato fottuto!

AndyCapp ha detto...

Sarebbe inutile se tutti pagassero il biglietto.
Non essendo così e siccome il costo degli abusivi e ricaricato sulle tasse e sui titoli di viaggio capisco che paga goda come un riccio a vedere i controllori in action

mg_cartman ha detto...

@ anonimo
">.< un lavoro piu inutile non potrebbe esistere"

verissimo!! ma in un paese civile dove si paga x un servizio di cui si usufruisce e si paga tutti x pagare tutti meno (pensi ti possa interessare? ed in ogni caso, se lavori, trovi così inutile essere pagato?)

"...Sembra che per voi fare multe sia un divertimento e io mi chiedo quali gratificazioni puo dare un lavoro del genere."
beh, un po' di sano sadismo da deformazione professionale ci può stare, laddove x sadismo devi intendere, come il vecchio kf insegna, la sfida a "scovare" chi sta cercando di fregare ma, bada bene, fregare non tanto il buon verificatore, quanto quei poveri ONESTI (o + pavidi...:-) accanto a lui che un biglietto o un abbonamento l'hanno comprato...
respect!!
ww

lazialefracico ha detto...

vabè kingfreak mi hai convinto abbastanza....

lazialefracico ha detto...

stavolta...

Federico Distefano ha detto...

Quella dell'autobus "civetta" è una cosa che non avevo mai sentito.
Sfiziosa, però.
:)
Dalle mie parti non si potrebbe mai fare ma questo non toglie che apprezzi il pensiero...

Ciao e auguri di buon anno!!
^_____^

mg_cartman ha detto...

oggi il triste lamento di un nuovo bus trappola (aka bus tonnara, per l'etimologia vedi il mix tuo post e prode creatore ;-) è echeggiato nelle puzzolenti vie del centro città...
il sangue scorreva a fiumi... i piccoli e i grandi tonni si agitavano inermi tra le maglie della rete, quasi ad intenerire i rudi pescatori, se non fosse stato che in quella tonnara il libero arbitrio (leggi: scelta di non essere in regola) è stato l'unico vero arpione...
tra l'altro, buon King, i pescatori stanno affinando la tecnica...
avverti i to... ehm.. i passeggeri distratti...

buona vita,
ww

KingFreak ha detto...

Cara Wonder Woman (nome di battaglia n.d.r) come già scritto nel post a me gli spaghetti con il tonno piacciono parecchio...e non sono cosi scemo da avvisare i tonni, mi toglierei cosi tutto il piacere!

Anche oggi avrei voluto mettermi in un angolino per vedere voi abili pescatori in azione, ma il fato mi ha mandato in altri lidi a fiocinare piccoli pesci di paranza, che sempre buoni sono, sarà per la prossima volta...


Il KING vigila sempre!

Anonimo ha detto...

Caro King, sono sicuro che se ti cimenti, troverai gradevole aver sempre la rete piena e non solo il cestino (e senza fatica)! Anzi, credo che alla fine il tonno ti uscirà dalle orecchie! Ti verrà a nausea! Ricordiamoci però che se l'idea si diffonde, bisognerà pagare il copyright all'ideatore, povero disgraziato col mutuo! Che ne direbbe la SIAE?
Il Tonno